Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema agro-alimentare: il contesto nazionale e il caso studio di Verona

L’obiettivo di questo elaborato finale è di analizzare un settore che nell’economia italiana ricopre una grande importanza, ossia l’agro-alimentare, partendo dalla struttura organizzativa, ai modelli di consumo e ai flussi commerciali, con particolare approfondimento della realtà produttiva di Verona. L’Italia è caratterizzata da una forte territorialità, che porta alla produzione da parte di ogni regione di una varietà di beni, che fanno della nostra nazione un paese invidiato.
Nel primo capitolo viene introdotto il concetto di agro-alimentare, con la definizione di tre termini fondamentali, ossia agribusiness, sistema agro-alimentare e filiera (articolazione verticale-orizzontale). Inoltre, per capire al meglio la situazione attuale dell’economia agro-alimentare, vengono individuate varie fasi di evoluzione, partendo dal 1500 fino ai giorni nostri. Infine, viene analizzato in concreto il comparto agro-alimentare italiano: flussi commerciali, paesi di destinazione, concentrazione imprenditoriale e prodotti scambiati.
Il secondo capitolo tratta di un tema centrale nell’economia odierna e soprattutto in quella agro-alimentare, ossia i consumi. In passato, erano le imprese a gestire l’offerta, mentre ora sono i consumatori che esercitano una forte influenza sulla produzione, determinando essi stessi la domanda. Per capire l’attuale struttura dei consumi, viene presentato il modello nutrizionale e la relativa evoluzione nel tempo, che ha portato ad un cambiamento nella richiesta di alimenti, sia dal punto di vista quantitativo che merceologico. Le dinamiche che guidano i consumi possono essere di tipo socio-economico, legate soprattutto a fattori demografici, lavorativi o geografici, oppure socio-culturali, le quali plasmano lo stile di vita e i metodi di scelta dei consumatori. Infine, vengono analizzati i dati di acquisto delle famiglie italiane per le diverse categorie di prodotti, con introduzione del concetto di marchio d’origine.
In conclusione, il terzo capitolo è destinato all’analisi del caso studio del settore agro-alimentare a Verona. Viene esaminato il contesto geografico-economico del territorio scaligero, con alcune aziende leader del settore, oltre ai relativi prodotti tipici, alcuni dei quali certificati con il marchio d’origine. Inoltre, come già fatto per il contesto nazionale, vengono presi in esame gli scambi commerciali dei prodotti alimentari, delle colture agricole e delle bevande, che classificano Verona ai primi posti tra le province italiane per export.

Mostra/Nascondi contenuto.
Int roduz i one L’obiettivo di questo elaborato finale è di analizzare un settore che nell’economia italiana ricopre una grande importanza, ossia l’agro-alimentare, partendo dalla struttura organizzativa, ai modelli di consumo e ai flussi commerciali, con particolare approfondimento della realtà produttiva di Verona. L’Italia è caratterizzata da una forte territorialità, che porta alla produzione da parte di ogni regione di una varietà di beni, che fanno della nostra nazione un paese invidiato. Il sistema agro-alimentare è molto complesso, infatti è formato da varie fasi in stretto contatto tra di loro, che coinvolgono diversi attori e sono finalizzate alla produzione e distribuzione di un prodotto al consumatore finale o ad un soggetto intermedio. Nel primo capitolo viene introdotto il concetto di agro-alimentare, con la definizione di tre termini fondamentali, ossia agribusiness, sistema agro-alimentare e filiera (articolazione verticale-orizzontale). Inoltre, per capire al meglio la situazione attuale dell’economia agro-alimentare, vengono individuate varie fasi di evoluzione, partendo dal 1500 fino ai giorni nostri. Infine, viene analizzato in concreto il comparto agro-alimentare italiano: flussi commerciali, paesi di destinazione, concentrazione imprenditoriale e prodotti scambiati. Il secondo capitolo tratta di un tema centrale nell’economia odierna e soprattutto in quella agro- alimentare, ossia i consumi. In passato, erano le imprese a gestire l’offerta, mentre ora sono i consumatori che esercitano una forte influenza sulla produzione, determinando essi stessi la domanda. Per capire l’attuale struttura dei consumi, viene presentato il modello nutrizionale e la relativa evoluzione nel tempo, che ha portato ad un cambiamento nella richiesta di alimenti, sia dal punto di vista quantitativo che merceologico. Le dinamiche che guidano i consumi possono essere di tipo socio-economico, legate soprattutto a fattori demografici, lavorativi o geografici, oppure socio-culturali, le quali plasmano lo stile di vita e i metodi di scelta dei consumatori. Per tale motivo ho scelto la citazione del filosofo tedesco Ludwig Feuerbach “Der Mensch ist, was er isst”, cioè “L’uomo è ciò che mangia”, interpretando che l’uomo, attraverso i prodotti che acquista e quindi consuma, determina e trasmette il suo modo di essere. Infine, vengono analizzati i dati di acquisto delle famiglie italiane per le diverse categorie di prodotti, con introduzione del concetto di marchio d’origine. In conclusione, il terzo capitolo è destinato all’analisi del caso studio del settore agro-alimentare a Verona. Viene esaminato il contesto geografico-economico del territorio scaligero, con alcune aziende leader del settore, oltre ai relativi prodotti tipici, alcuni dei quali certificati con il marchio d’origine. Inoltre, come già fatto per il contesto nazionale, vengono presi in esame gli scambi commerciali dei prodotti alimentari, delle colture agricole e delle bevande, che classificano Verona ai primi posti tra le province italiane per export . 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Irene Montresor Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 203 click dal 01/08/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.