Skip to content

Definizione di VaR (Value at Risk)

Il Value at Risk (VaR) viene definito come la massima perdita possibile, per una data posizione o un dato portafoglio, in uno specifico orizzonte temporale e con un determinato livello di probabilità.
Esso si propone come misura di sintesi dell’esposizione di un portafoglio ai rischi di mercato, in alternativa alle misure riferite a specifiche asset class (la duration, il beta, le “greche” delle opzioni, …).
Il modulo calcola il VaR, in termini assoluti e percentuali, di singole posizioni, di insiemi di posizioni definite dall’utente o di interi portafogli.
Il modello implementato prende le mosse dalla metodologia sviluppata da JP Morgan negli anni ’90, per il controllo dei rischi di mercato.

di Federico Lanciano

Visita la sua tesi » Extreme Value Theory: un'applicazione al Value-at-Risk (VaR)