Skip to content

Definizione di Centri commerciali integrati

I primi centri commerciali europei posti all'inizio degli anni '50 nel cuore delle città satellite delle grandi conurbazioni metropolitane nord europee, delle quali divengono il magnete vitalizzante: le drabanstaden svedesi e le new towns britanniche. Sono concepiti con una circolazione pedonale a cielo aperto, strettamente interconnessi con altre funzioni urbane e posti al servizio dei residenti delle città satellite medesime (anziché dei consumatori automobilisti catturati dalle grandi arterie di traffico, come nel contemporaneo modello statunitense). Solo alla fine degli anni '60 nel centro Europa - in Germania (Main Taunus) in Belgio (Woluwè) in Francia (Parly 2 e Cap 3000) - fa la sua comparsa il centro commerciale quasi pedestremente mutuato dalla formula statunitense del regional suburban shopping center. In seguito il centro commerciale in Europa rivaluta l'illuminazione naturale della galleria e integra l'edificio nell'ambiente storico, naturale circostante. Il centro commerciale spesso diviene non antagonista ma valido alleato del centro storico della città in cui si colloca. In Europa il centro commerciale si inserisce armonicamente nel tessuto urbanistico: esso è dotato di ogni tipo di servizi, ufficio postale, banca, telefoni, ambulatorio, e tende a trasformarsi in civic center.

di Giuseppe De Blasio

Visita la sua tesi » I luoghi del commercio - Una analisi antropologica degli shopping center