Skip to content

Definizione di Capacità di intendere e di volere

Presupposto per l'imputabilità del soggetto autore di un reato. La capacità di intendere è l'idoneità del soggetto a rendersi conto del valore sociale delle proprie azioni, e quindi percepirne il significato.
La capacità di volere consiste nell'attitudine dell'individuo ad autodeterminarsi, e quindi orientare gli atti compiuti in modo finalistico rispetto al significato percepito.

di Daniele Stavolo

Visita la sua tesi » I disturbi di personalità e la loro rilevanza nel processo penale