Skip to content

Definizione di SAAS (Software As A Service)

Un modello per la distribuzione di applicazioni in cui il fornitore, sviluppatore dell’applicazione web, eroga l’applicazione direttamente tramite la rete Internet, consentendone così l’utilizzo online da parte degli utenti.
A differenza di quanto accade con le tradizionali applicazioni a package che l’utente acquista, installa sui propri server e quindi esegue in locale, nelle applicazioni SaaS il software è di proprietà del provider, il quale ospita sia l’applicazione sia i dati, fornisce ai suoi clienti accesso alle applicazioni, alle patch e agli aggiornamenti necessari in modo trasparente, tramite uno smart client o un’altra applicazione. I clienti non pagano per il possesso del software, ma solamente per il suo utilizzo e quindi per il valore reale che esso genera. Il provider dispone di un’architettura centralizzata, detta “multi-tentant”, che permette a più utenti di condividere una piattaforma comune e di usufruire simultaneamente dello stesso servizio; la personalizzazione è comunque garantita grazie all’utilizzo di semplici configurazioni dei metadati, che permettono di descrivere le preferenze dei diversi utenti.
I vantaggi conseguibili grazie all’utilizzo di questo paradigma vanno dalla riduzione del costo dell’infrastruttura, in quanto questa viene condivisa, al conseguimento di economie di scala per il provider, alla rapidità del deploy, dal momento che non è necessario installare alcun software in house e infine alla possibilità di utilizzare sempre la versione più aggiornata dell’applicazione.

di Jessica Sartori

Visita la sua tesi » Collaborazione e ICT in sanità: analisi delle potenzialità del Web 2.0 e definizione di un modello per la collaborazione multidisciplinare tra professionisti e pazienti affetti da neuropatie croniche