Skip to content

Definizione di Supply-Side Economics

Scuola economica i cui sostenitori sono convinti che una maggiore invadenza del settore pubblico comporti una perdita di benessere generale, in quanto più settore pubblico significa più inefficienze e una riduzione della disponibilità di risorse nel sistema, dovuta agli effetti disincentivanti di un aumento della tassazione: insomma, per stimolare lo sviluppo non servono spinte dal lato della domanda, ma, al contrario, una rigorosa politica di riduzione delle tasse e della spesa pubblica, in modo da dar più libero sfogo agli spiriti del libero mercato.
Inoltre, secondo la curva di Laffer, un economista di questa scuola, va considerato che una riduzione di tasse, specie in paesi dove la pressione fiscale è alta, potrebbe perfino portare a un vantaggio per le casse dello stato, dal momento che un'eccessiva tassazione penalizza l'economia privata e, di conseguenza, riduce le sue capacità produttive.

di Antonio Di Bartolomeo

Visita la sua tesi » La sostenibilità del debito pubblico: uno sguardo dopo la crisi dei titoli sovrani in Europa