Skip to content

Definizione di Nuova macroeconomia classica

Scuola economica la cui ascesa risale agli anni '70 e '80, che propugna un ritorno agli assunti della teoria classica pre-keynesiana, come fa intendere il nome stesso.
Gli assiomi fondamentali dei neoclassici sono due: l'ipotesi di aspettative razionali e una perfetta flessibilità di prezzi e salari, secondo l'equilibrio walrasiano.
Per quanto riguarda le implicazioni di politica economica della nuova macroeconomia classica, la più dirompente è la negazione dell'efficacia delle politiche di stabilizzazione se ampiamente anticipate e annunciate. Tali politiche sono inefficaci perché, una volta annunciate, gli agenti si muovono di conseguenza prima che vengano messe in atto. Ad esempio, una manovra monetaria restrittiva, operata per tenere a freno l'inflazione, non cambierà il livello dei prezzi se anticipata dalle autorità, perché gli agenti si comportano come se fosse stata già attuata anche prima della reale applicazione. Diverso, ma non troppo, è il caso delle politiche di stabilizzazione non anticipate, cioè a sorpresa. In questo caso gli effetti nel breve termine si vedono, ma sfumano nel medio e lungo periodo. Inoltre, troppi interventi di politica economica non anticipati potrebbero scaturire un effetto destabilizzante sul sistema economico.

di Antonio Di Bartolomeo

Visita la sua tesi » La sostenibilità del debito pubblico: uno sguardo dopo la crisi dei titoli sovrani in Europa