Skip to content

Definizione di Asincronismo (cinema)

Non coincidenza fra l’immagine e il suono. Può essere casuale (per imperfezione di montaggio o di proiezione) o intenzionale (mira ad ottenere determinati effetti). Un esempio frequente: il parlato corrisponde al pensiero o monologo interiore di un personaggio che visivamente è muto. Nel 1928 i registi sovietici Ejzenstejn, Pudovkin e Alexandrov lanciarono il Manifesto dell’asincronismo, con cui chiarirono la necessità di un impiego contrappuntistico del suono rispetto all’immagine.

di Massimiliano Studer

Valuta questa definizione: