Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Ad Algeri inizia la settimana delle barricate

24 gennaio 1960

Alle 11 del mattino, una folla di 10.000 persone si trova in piazza ad Algeri per gridare il proprio sostegno a Massu, rimosso dall'incarico dal Presidente de Gaulle. Molti quadri dell'esercito osservano la folla con evidente simpatia e nessun intervento viene intrapreso dalla polizia per bloccarne la marcia.
Alle 16.00 vengono alzate grandi barricate, bloccando rapidamente il centro della città. I gendarmi si mettono in marcia per liberare le strade. Ma a questo punto scoppia il dramma. I manifestanti, una volta trovatisi di fronte le pattuglie dei gendarmi, non esitano a sparare contro di essi. I paracadutisti, che avrebbero dovuto proteggere la ritirata dei gendarmi, arrivano tardi, quando ne sono morti ormai 14 e 123 erano stati feriti. Per la prima volta dei Francesi in Algeria hanno sparato su altri Francesi.
Il generale Challe, a cui è affidato il comando delle Forze Armate, proclama lo stato d'assedio e fa circondare con un cordone di sicurezza Algeri tramite due divisioni paracadutiste. Riunito quindi lo stato maggiore per decidere sulle misure da intraprendere, si rende conto della complessità e approvazione che l'insurrezione ha creato. I colonnelli si rifiutano di attaccare le barricate, così come i paracadutisti che, a guardia dei punti strategici, lasciano tranquillamente passare convogli di insorti provenienti dall'esterno, carichi di armi e vettovagliamenti.
A Parigi l'incertezza regna sovrana fin dal mattino. Solo a tarda notte, de Gaulle compare in televisione con questo semplice messaggio: i ribelli devono deporre le armi. Nulla però succede. Anzi, i paracadutisti e i altri manifestanti iniziano a fraternizzare tra loro.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

L'Istituto per la Ricostruzione Industriale
  Evento successivo

Via libera alle SICAV