Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

La conferenza dell'Aja per la revisione delle riparazioni

6 agosto - 31 agosto 1929

Si riuniscono all'Aja i rappresentanti dei governi interessati per discutere il piano Young di revisione dei pagamenti delle riparazioni di guerra dovute dalla Germania. La delegazione tedesca è rappresentata da quattro ministri, Stresemann per gli Esteri, Curtius per l'Economia, Hilferding per le Finanze e Wirth per i Territori occupati. Le questioni più spinose sono l'evacuazione della Renania, di cui si occupa Stresemann, e le finanze di cui si occupa Curtius. L'iniziale andamento burrascoso della conferenza è dovuto all'ostruzionismo inglese, che mette i creditori in una condizione di conflitto. La Germania inizialmente mantiene una posizione di attesa, ma quando si intuisce che le conseguenze del conflitto ricadranno sul Reich allora la delegazione tedesca interviene. Stresemann sostiene la tesi che la Germania non sopportaterà altri sacrifici prima che i territori occupati siano liberati. La conferenza si chiude con il successo, nel campo delle finanze, dell'Inghilterra, che vede notevolmente migliorata la sua posizione rispetto al programma originario. Anche la delegazione tedesca può ritenersi soddisfatta in quanto, pur avendo dovuto fare ulteriori concessioni finanziarie, vede diminuire progressivamente gli oneri, in base agli accordi stabiliti per il piano Young. Ma, soprattutto, si è ottenuta la liberazione della Renania con cinque anni di anticipo rispetto al termine stabilito dal trattato di Versailles, un successo che ha una portata sia politica che economica. Il merito è quasi esclusivamente di Stresemann il quale, però, esce profondamente provato da queste ultime battaglie tanto che la sua vita si spegnerà solo un mese dopo.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La legge sull'editoria
  Evento successivo

Italo Calvino esce dal Partito Comunista