Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Italo Calvino esce dal Partito Comunista

7 agosto 1957

L'Unità pubblica la "La lettera di dimissioni dal P.C.I." di Italo Calvino, in seguito alla mancata svolta auspicata nella linea direttiva del partito, dopo i fatti di Ungheria. Il dissenso in essa espresso non significa abiura del proprio passato di intellettuale comunista: «Non intendo affatto abbandonare la mia posizione di intellettuale militante, né rinnegare nulla del mio passato. Ma credo che nel momento presente quel particolare tipo di partecipazione alla vita democratica che può dare uno scrittore e un uomo d'opinione non direttamente impegnato nell'attività politica, sia più efficace fuori dal Partito che dentro. [...] Non ho mai creduto (neanche nel primo zelo del neofita) che la letteratura fosse quella triste cosa che molti nel Partito predicavano, e proprio la povertà della letteratura ufficiale del comunismo m'è stata di sprone a cercar di dare al mio lavoro di scrittore il segno della felicità creativa; credo di esser sempre riuscito ad essere, dentro il Partito, un uomo libero».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La bomba atomica di Hiroshima
  Evento successivo

Il Parlamento approva la Riforma Dini