Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

Mussolini riconosce le sconfitte ma promette la vittoria

23 febbraio 1941

Mussolini, dopo un lungo silenzio, pronuncia un discorso al teatro Adriano di Roma. Un discorso giocato, con grande abilità, su tre punti fondamentali: il riconoscimento della gravità delle sconfitte subite, una assoluta fiducia nella «capacità di recupero» del popolo italiano e, infine, la certezza della sicura vittoria finale: «I popoli diventano grandi osando, rischiando, soffrendo, non mettendosi ai margini della strada in un'attesa parassitaria e vile. I protagonisti della storia possono rivendicare dei diritti, i semplici spettatori, mai. [...] Specie in questa guerra, è la battaglia finale che conta. Che si dovrà combattere duramente è certo, che si dovrà combattere a lungo è anche molto probabile, ma il risultato finale è la vittoria dell'Asse. [...] Il popolo italiano, il popolo fascista merita e avrà la vittoria. [...] Le privazioni, le sofferenze, i sacrifici che dalla quasi unanimità degli Italiani e delle Italiane vengono affrontati con coraggio e con dignità che può dirsi veramente esemplare, avranno il loro compenso. [...] Fra poco verrà primavera e, come vuole la stagione, la nostra stagione, verrà il bello».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Gardini acquisisce il controllo dell'Enimont
  Evento successivo

Il Testo Unico in materia di intermediazione finanziaria