Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

La Banca d'Italia assicura appoggio al salvataggio del GF

16 giugno 1993

In merito al salvataggio del gruppo Ferruzzi-Montedison, Lamberto Dini e Vincenzo Desario, rispettivamente direttore e vicedirettore generale della Banca d'Italia, assicurano l'appoggio di tutto il sistema bancario. Parte così il piano di Mediobanca che pone alla scadenza di 30-35 giorni la conclusione dell'esame società per società della reale situazione gestionale e industriale e delle specifiche posizioni finanziarie. Vengono di conseguenza programmati in rapida successione i consigli e le assemblee di Montedison, Fondiaria, Gaic e Ferfin. All'ordine del giorno vi sono la predeterminazione del numero dei componenti degli organi sociali e la nomina dei nuovi amministratori. Viene inoltre deciso che Arturo Ferruzzi (ormai solo presidente onorario della Ferfin e della Montedison) non risponderà a queste convocazioni delegando al suo posto il cognato Sama (che resta vicepresidente della due società, ma senza deleghe).
La famiglia Ferruzzi viene così estromessa dalla gestione operativa del gruppo, per cui il riordino finanziario e strutturale sarà portato avanti direttamente in Mediobanca, dall'amministratore delegato Maranghi e dal direttore generale Maurizio Romiti.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Inter-Genoa: crolla la tribuna durante la partita-scudetto
  Evento successivo

Il Consiglio Europeo si riunisce ad Amsterdam