Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

Il vertice del G7 di Colonia

18 giugno - 20 giugno 1999

Al vertice di Colonia, i ministri delle finanze dei G-7 presentano il loro rapporto Strengthening the International Financial Architecture: «La sfida è di promuovere la stabilità finanziaria globale sia attraverso l'azione nazionale sia mediante un aumento della cooperazione internazionale. Tutti i paesi, insieme con le istituzioni finanziarie internazionali e quelle finanziarie del settore privato, devono condividere questa responsabilità. Questo non richiede nuove organizzazioni internazionali» ed individuano invece i requisiti necessari allo scopo: «Bisogna che tutti i paesi si assumano le proprie responsabilità per la stabilità globale perseguendo sane politiche macroeconomiche, politiche del tasso di cambio sostenibili e stabilendo dei solidi e resistenti sistemi finanziari. E' necessario che le istituzioni esistenti adattino i loro ruoli per soddisfare le domande dell'attuale sistema finanziario globale: in particolare, per realizzare meccanismi efficaci per ideare standard, monitorare la loro attuazione e rendere pubblici i risultati, per avere gli strumenti giusti per aiutare i paesi a gestire le crisi e per prendere provvedimenti volti a migliorare la loro efficacia, responsabilità e legittimità. E' anche necessaria la giusta struttura di incentivi per tutti i partecipanti al sistema finanziario internazionale: le autorità nazionali come il settore privato» e la strategia da seguire: «La nostra strategia generale è di identificare e realizzare politiche per aiutare i mercati a funzionare in modo appropriato e fornire i beni pubblici necessari per realizzare questo obiettivo. Questo richiede che le autorità pubbliche provvedano per un'accresciuta trasparenza e divulgazione, una migliorata regolamentazione e vigilanza delle istituzioni e dei mercati finanziari e politiche per proteggere i più vulnerabili. Richiede anche che i creditori e gli investitori privati si addossino la responsabilità per i rischi che assumono e siano coinvolti appropriatamente nella prevenzione e nella gestione delle crisi. A questo riguardo, lo stabilimento di codici e standard internazionalmente concordati serve sia come un incentivo per una migliore amministrazione sia come un criterio sul quale misurare il rischio paese».
Individuano quindi sei aree prioritarie di intervento: rafforzare e riformare le istituzioni finanziarie e gli accordi internazionali, aumentare la trasparenza e promuovere le migliori pratiche, consolidare la regolamentazione finanziaria nei paesi industrializzati, rafforzare le politiche macroeconomiche e i sistemi finanziari nei mercati emergenti, migliorare la prevenzione e la gestione della crisi e coinvolgere il settore privato, promuovere politiche sociali per proteggere i poveri e i più vulnerabili.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Il Consiglio Europeo si riunisce ad Amsterdam
  Evento successivo

Nasce Omnitel