Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Enimont: Cagliari chiama in causa il ministro Piga

16 luglio 1993

Nello stesso giorno in cui Garofano viene trasferito dalla Svizzera al carcere di Opera (con chiare intenzioni collaborative), l'ex presidente dell'Eni Gabriele Cagliari risponde alle domande del Pubblico Ministero Greco, titolare dell'inchiesta sulla Enimont. L'argomento trattato in questo interrogatorio è la decisione adottata dall'Eni di lanciare una offerta pubblica di acquisto sui titoli Enimont collocati in Borsa. Cagliari, reticente fino a qualche giorno prima, chiama in causa l'allora Ministro delle Partecipazioni Statali, il democristiano Franco Piga, deceduto il 26 dicembre del 1990. Secondo le sue rivelazioni «fu il Ministro Piga a chiedermi di mettermi in contatto con il presidente della Montedison, Garofano, per studiare, da un lato, l'operazione dell'offerta pubblica di acquisto dei titoli Enimont e, dall'altro, per comunicargli l'importo di denaro che, a titolo di riconoscenza, avrebbe dovuto erogare alla Democrazia Cristiana. [...] L'importo venne trattato direttamente tra Garofano e Piga. Doveva essere di circa dieci miliardi di lire, almeno secondo quanto riferitomi dallo stesso Piga».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Dal modernismo al postmoderno
  Evento successivo

La Conferenza di Potsdam