Skip to content

Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

La Direzione del Psi prende posizione sul caso ungherese

1 novembre 1956

La Direzione del Psi prende posizione sul caso ungherese, in polemica con il Pci ed il Pcus. La deliberazione concernente l'Ungheria afferma che le ragioni ed il significato dei tragici eventi sono «la conseguenza di una degenerazione del potere popolare in forme burocratiche e poliziesche e di una impostazione della politica economica in termini forzati rispetto alla realtà produttiva e sociale del Paese», che hanno isolato «il vecchio gruppo comunista» e lo hanno «staccato dalle masse popolari». Per la Direzione socialista, «lo stesso irresponsabile appello all'intervento delle armi sovietiche fu la conseguenza estrema dei metodi» di chi ha perduto «il legame e la fiducia nel popolo e nei lavoratori» e si affida «soltanto alla forza». Questo intervento è per i socialisti «incompatibile col diritto dei popoli alla indipendenza» ed ha favorito «esplosioni di nazionalismo che, sfruttate dalle vecchie forze militariste e reazionarie» minacciano di «alterare il carattere del movimento popolare» ed espongono l'Ungheria ed i suoi lavoratori a rischi dai quali devono essere difesi «dalla solidarietà e dall'appoggio dei lavoratori di tutto il mondo».

Tesi correlate:

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Martin Lutero affigge le 95 tesi
  Evento successivo

La Dichiarazione Balfour