Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Bolìvar giura sull'Aventino

15 agosto 1805

Giunto a Roma, per conferire una maggiore legittimità e un aura di sacralità ai suoi ideali, come è consuetudine nella cultura romantica, Simòn Bolìvar pronuncia un solenne giuramento sul colle Aventino, il Monte Sacro per gli antichi romani.
Lo spirito e la profonda convinzione che lo animano nel compiere questo gesto traspaiono dalle parole che sono giunte fino a noi nella versione di Simòn Rodrìguez: «Giuro davanti a voi, giuro per il Dio dei miei padri, giuro su di loro; giuro sul mio onore e giuro sulla mia Patria che non darò riposo al mio braccio, né pace alla mia anima, fino a quando non avrò spezzato le catene che ci opprimono per volontà del potere spagnolo».
La città ed il luogo non sono scelti casualmente; il mito dell'antica Roma e delle sue istituzioni è assai vivo nella concezione di Bolìvar e ancor prima in Rodrìguez. La gloria passata di Roma è evocata a testimone ed a sostegno del futuro di libertà che il ventiduenne di Caracas sognava per il suo popolo.
In tutta la sua vita e nei suoi scritti, il riferimento al passato e soprattutto alla Roma repubblicana saranno una costante, così come nelle costituzioni da lui elaborate verranno riproposte istituzioni dell'antichità.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Churchill e Roosevelt firmano la Carta Atlantica
  Evento successivo

Ritrovato il cadavere di Matteotti