Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

La Direzione delle carceri passa al Ministero della Giustizia

31 dicembre 1922

Con il Regio Decreto n. 1718 la Direzione generale delle carceri e dei riformatori viene trasferita dal Ministero dell'Interno a quello della Giustizia. Il fascismo, appena arrivato al potere, ribalta così la politica perseguita nell'ultimo biennio della Direzione generale e mette un freno sicuro a possibili iniziative tese ad una rieducazione del reo che comportino un sovvertimento dello status-quo nelle carceri.
Ora è il Ministero della Giustizia che controlla l'esecuzione della pena. Questo, dopo che esso stesso ha pronunciato la sentenza di condanna. Cala così per tutto il ventennio un totale immobilismo sugli organismi preposti alla direzione delle carceri, mentre fanno ritorno tutte le misure coercitive che erano state abolite durante il periodo liberale, pena di morte inclusa.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Una legge a tutela della maternità
  Evento successivo

La Costituzione entra in vigore