Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Primo tentativo di introdurre in Italia il lavoro interinale

5 gennaio 1993

Il Decreto Amato rappresenta il primo tentativo di introduzione per legge del lavoro interinale; tentativo fallito in quanto il Decreto non sarà poi convertito dal Parlamento.
Il decreto, volendo introdurre una disciplina che coniughi i due contrapposti modelli d'oltralpe del lavoro interinale a termine (secondo la legge francese) e a tempo indeterminato (secondo la legislazione tedesca) prevede, accanto al contratto a tempo indeterminato (considerato dal decreto come fisiologico), la facoltà di assunzione a termine, ma per un periodo di tempo non inferiore a dodici mesi e comunque con il potere di disdetta in tempo utile, con il risultato di una ambigua e contraddittoria normativa, destinata a paralizzare, di fatto, il ricorso a questo tipo di rapporto di lavoro da parte delle imprese.
Anche la restrizione dei casi in cui è possibile ricorrere al lavoro interinale alle sole situazioni rispetto alle quali possa legittimamente stipularsi un contratto di lavoro a tempo determinato appare molto riduttiva. Ma la più evidente anomalia del decreto è costituita dalla previsione di limitare l'esercizio dell'attività di fornitura di lavoro temporaneo al solo settore delle attività terziarie, con implicita esclusione dei comparti industriali e agricoli.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

L'euro in borsa
  Evento successivo

Paolo VI lascia la Palestina