Skip to content

Tesi scelte dalla redazione relative a Architettura

Architettura museale e tempo: interpretazione e confronti

L’architettura. Il tempo. Indagare il nesso esistente tra la nozione temporale e la realtà architettonica è compito lungo e articolato: i livelli di lettura sono molteplici, le intersezioni occupano un’estensione disciplinare vastissima. Oggetto di questo studio non può (e non vuole) essere un’analisi sistematica di tutte le possibili relazioni esistenti tra i due termini del discorso: sarà necessaria una scelta di campo. La ricerca delle definizioni è il punto di partenza necessario in ogni studio, in quanto rende valide certe domande e consente di eliminarne altre come prive di senso. Si te...

Vai alla pagina della tesi »

L’architettura cimiteriale, rappresentazione e progetto. Il Cimitero dell’Ulivo di Fano

Questa tesi ha avuto come primo approccio l’approfondimento dell’architettura cimiteriale nella sua evoluzione storica. Partendo da un contesto generale ci si è poi focalizzati sul progetto del Cimitero dell’Ulivo, in prima battuta avvicinandosi alla conoscenza del processo formativo e lavorativo di uno dei progettisti principali Giovanni Lamedica. Il rapporto diretto e la guida da parte dell’architetto hanno permesso di analizzare uno dei punti di vista principali. Per una maggiore completezza del contesto è stato molto importante il contatto diretto con la committenza, nella persona dell’...

Autore: Elisa Pettinari
Vai alla pagina della tesi »

Progettazione e sviluppo di un'architettura di simulazione per la geo-localizzazione di target terrestri da UAV mediante l'implementazione di un filtro di Kalman esteso

La mia tesi si svolge portando avanti il lavoro iniziato dal collega Giuseppe Inzerilli. L’obiettivo è stato quello di sfruttare l’interfaccia di simulazione, scritta in linguaggio Delphi, per implementare un filtro di Kalman esteso che renda più realistica e fattibile la stima della posizione del target a terra rispetto alla tesi precedente. Prima si ipotizzava di avere misure di GPS e AHRS ideali e una conoscenza perfetta dell’orografia del terreno. Nel mio lavoro di tesi si introducono le incertezze sull’orografia e i rumori sulle misure dei sensori a bordo del velivolo. Il lavoro è stato s...

Vai alla pagina della tesi »

Spazio+Pubblico. Smarrirsi nella città contemporanea, il caso-studio Barcellona e il significato del progetto.

Perché lo spazio pubblico? La risposta più semplice, ma allo stesso tempo più complessa, potrebbe essere perché è il terreno di confine tra l’Architettura, intesa come “la protezione della propria sacralità”, e l’Urbanistica. In esso si riassumono tutte le dinamiche appartenenti alle due discipline: dalla dimensione più intima e protettiva dell’Architettura, rivolta di più all’individuo e al singolo in generale, fino alla scala maggiore dell’ Urbanistica, che si occupa della dimensione collettiva dello spazio, del senso di comunità e città. La risposta però rischia di essere troppo semplici...

Vai alla pagina della tesi »

La ventilazione come strumento per il controllo del microclima e del comfort

Lo sfruttamento dei sistemi progettuali basati sullo studio dell'ambiente e delle risorse direttamente disponibili sul sito di costruzione , finalizzati al raggiungimento di condizioni di comfort all'interno degli edifici senza o con il minimo uso di energie esogene nel periodo estivo.

Autore: Giorgio Tedesco
Vai alla pagina della tesi »

Contemporary house _ moduli abitativi temporanei

La tesi nasce in maniera quasi spontanea dalla pura osservazione del vivere quotidiano, che mi ha portato ad una riflessione sull’uomo, sul modo in cui questo occupa i suoi spazi privati e quindi su un nuovo concetto di "abitare". L’odierno paesaggio urbano ha una valenza fortemente dinamica perché tale è oggi la struttura sociale, così ho concentrato la mia ricerca e, conseguentemente, il mio progetto nel considerare una nuova interazione tra spazio, tempo e architettura. Da questo nasce l’esigenza di affrontare il progetto di una casa che in un dato tempo e in un dato spazio si adatti per...

Vai alla pagina della tesi »

Esperimenti di rappresentazione virtuale per la fruizione degli itinerari museali. Il quadro come ipertesto visivo

Questo lavoro nasce da una scoperta: il quadro "Veduta del distretto parrocchiale dell'Albergheria", esposto in un museo di Palermo ma del tutto privo di un’opportuna valorizzazione. Accanto ad esso, le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie e la loro recente applicazione alle risorse museali per una migliore fruizione del patrimonio artistico: la multimedialità intesa come un valore aggiunto che può facilitarne la comunicazione e la comprensione. Una fra le tecnologie usate per questo scopo è la realtà aumentata: un mezzo di rappresentazione virtuale che aggiunge informazioni simulate ...

Vai alla pagina della tesi »

Passerella al ''Paradiso''

Passare, attraversare, scavalcare, superare, connettere parti della città o luoghi geografici topograficamente separati, sono condizioni che nella storia dell'architettura e dell'ingegneria civile hanno trovato il loro archetipo risolutivo nel ponte: “passaggio speciale” nel continuum dei sistemi naturali e di quelli antropizzati in cui si colloca e contemporaneamente attimo sospensivo, luogo temporaneo di astrazione dalle loro complesse morfologie per osservarne l'intorno da un suo proprio, particolare, punto di vista. In analogia con gli obiettivi di ascesa delle torri, il ponte è una costr...

Vai alla pagina della tesi »

Trasformazione della città tra realtà e virtualità

Giada Elisabetta Cagnazzo

La città mostro,prodotto dell’industrializzazione e più recentemente della globalizzazione, è un fantasmagorico paesaggio senza forma che si espande a macchia d’olio attraverso un’urbanizzazione selvaggia e dissolve l’antico rapporto tra città e campagna. Esiste uno strumento per arrestare questo processo e risolvere la crisi urbana, “crisi delle crisi”? Sulla base di alcune approfondite riflessioni si è giunti ad azzardare un’ ipotesi che tenterà di combattere questo male agendo sul livello invisibile del pensiero attraverso gli occhi e la mente di chi vive,osserva ma soprattutto immagina e s...

Vai alla pagina della tesi »

Veteris Urbis Thermae - Nuovo centro termale a Viterbo

“VETERIS URBIS THERMAE” NUOVO CENTRO TERMALE A VITERBO A cura di Simona Ciafro Relatore: Prof. Arch. Massimo Alfieri Correlatrice: Prof. Ing. Ginevra Salerno Obiettivo della mia tesi è far rinascere il turismo termale di Viterbo, attraverso la proposta di un nuovo centro termale per la cura del benessere psico-fisico con caratteristiche di sostenibilità, ludicità e visibilità, localizzato a nord ovest della città, nell’area del Bagnaccio. La conoscenza approfondita del luogo, avvenuta grazie ad una ricerca geologica/idrogeologica, archeologica ed urbanistica è stata necessaria per lo...

Autore: Simona Ciafro
Vai alla pagina della tesi »

Stai cercando una Tesi di laurea?

Da oltre 15 anni selezioniamo e pubblichiamo Tesi di laurea per evidenziare il merito dei nostri Autori e dar loro visibilità.

Prima di iniziare la ricerca ti consigliamo di registrarti per:

  1. contattare gli autori delle tesi che ti interessano per chiedere consigli e informazioni;
  2. scaricare gratuitamente le prime 10-15 pagine delle tesi che ti interessano;
  3. consultare liberamente gli indici di tutte le tesi pubblicate;
  4. scegliere degli argomenti ed essere avvertito non appena viene pubblicata una nuova tesi riferita agli stessi.

Non riesci a trovare quello che cercavi?

Registrati al sito e:

  1. Cerca altre tesi correlate a "Architettura"
  2. Scrivi alla redazione per ricevere aiuto (solo gli utenti registrati possono usufruire gratuitamente del servizio)