Skip to content

Israele e Palestina: conflitto e identità nel cinema

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Mandelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Michele Fadda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Il lavoro che presentiamo è il risultato di un'ampia ricerca, svolta nel corso degli ultimi due anni, sulla presenza del cinema nella dialettica di confronto israelo-palestinese. L'idea di fondo è stata quella di realizzare-comprendere che non poteva il cinema - strumento polivalente di espressione e democrazia - rimanere al margine di una lettura critica e interpretativa di quello che è il dramma omerico dei nostri giorni.
Partendo da un'introduzione che colloca il cinema israelo-palestinese come cinema di guerra, la nostra ricerca si sviluppa poi in tre capitoli principali. Il primo indaga da un punto di vista prettamente storico le origini del cinematografo in terra di Palestina e le condizioni attuali dell'industria cinematografica, sia israeliana che palestinese. Il corpus principale dell'elaborato, dove vengono analizzati i temi di conflitto e identità, è rappresentato da secondo e terzo capitolo, dove l'opera filmica dei più rappresentativi registi delle due parti è analizzata nello specifico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VII PREFAZIONE Il lavoro che presentiamo il risultato di un ampia ricerca, svolta nel corso degli ultimi due anni, sulla presenza del cinema nella dialettica di confronto israelo-palestinese. L idea di fondo stata quella di realizzare-comprendere che non poteva il cinema — strumento poli- valente di espressione e democrazia - rimanere al margine di una lettura critica e interpretativa di quello che il dramma omerico dei nostri giorni: la storia di una terra eternamente promessa , dove i confini pi facile guardarli a occhi chiusi, frutto dell immaginario collettivo, piuttosto che di linee verdi, rosse o di cemento. Dove — come diceva Meron Benvenisti (*) — la Gerusalemme vera solo quella celeste, sogno di ogni redenzione, ebrea, cristiana, musulmana . Tragica invece e smarrita, la Gerusalemme terrestre, arcipelago di quartieri, villaggi, accampamenti, un p Dallas un po ghetto per rifugiati, crogiolo di genti di ogni colore e religione, armeni/ortodossi, azkenazi/sefar- diti/falascia, drusi/hezbollah, per non dire delle ondate successive di popolazioni dall Est europeo. Nel processo della nostra ricerca, la prima sorpresa stata quella di ritrovare un volume di materiale eccezionalmente cospicuo, ma del tutto disorganizzato ed estraneo alle categorie di collocazione critica in cui si usa sistemare la produzione cinematografica corrente: molte monografie, flash di riviste specializzate (in particolar modo ˙Filmcritica¨, ˙Cineforum¨, ˙Segnocinema¨, ma non solo), tematiche emerse in funzione di avvenimenti particolari, recensioni e articoli dispersi. E sembrato quindi indispensabile, come primo passo, procedere a una stabilizzazione del quadro sto- rico sui due diversi fronti di indagine, per poi affrontare, nei capitoli successivi, i termini di iden- tit /conflitto che il cinema israelo/palestinese ha saputo realizzare in questi ultimi dieci/quindici anni con risultati di rara efficacia e con riconoscimenti internazionali di prestigio. Pi seducente e creativa apparsa quindi la prospettiva di affondare l analisi nella dialettica degli opposti di questa complessa ricerca e cogliere, a mano a mano che si procedeva nel lavoro, una straordinaria capacit di dialogo tra genti di antica consuetudine. Nulla a che vedere con l infamia dei giorni nostri, il Muro in costruzione nella Terra Promessa, di cui riportiamo un immagine senza commenti, a pagina 121, a chiusura del lavoro. La ricerca si andata articolando su uno spettro rappresentativo di molteplici interessi socio-culturali e politici. Per questo ci siamo avvalsi del contributo di esperti della cooperazione internazionale quali: Plinio Corrado, ingegnere, responsabile del Team di valutazione e monitoraggio dei programmi comunitari nei Territori Occupati (aiuto diretto ai Palestinesi) nel periodo tra le due Intifada (1992/2000); di Angelo Stefanini, medico, responsabile dei programmi OMS nei Territori Occupati nell anno 2002; di Lorenza Sebastiani, laureanda in Scienze Politiche con una tesi sugli insedia- menti israeliani in Palestina; di Antonio Catolfi, docente di Teorie e tecniche dei nuovi media nel Corso di laurea in Comunicazione Internazionale presso l Universit per Stranieri di Perugia; di Manuel Cecchinato, dottore in filosofia, esperto di sonoro cinematografico. La ricerca bibliografica si quindi concentrata presso la biblioteca del Dipartimento di Musica e Spettacolo dell Universit di Bologna e presso la Cineteca del Comune, integrata da indagini specifiche presso la biblioteca del Dipartimento di Italianistica, la biblioteca di Discipline Umanistiche, la biblioteca del Dipartimento di Discipline della Comunicazione, la Biblioteca Universitaria, sempre dell Universit di Bologna. Ricerche sono state effettuate anche presso la biblioteca del Centro Studi Amilcar Cabral e la biblioteca dell Istituto Gramsci dell Emilia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi