Skip to content

Il processo di decentramento fiscale e l'indebitamento degli enti territoriali

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Taddei
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Maurizio Grassini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 239

La principale ipotesi che viene sostenuta in questo lavoro è quella che vede il processo di decentramento fiscale attuato negli ultimi decenni come possibile concausa del grande incremento nel ricorso all’indebitamento da parte degli enti territoriali verificatosi dalla fine degli anni ’90 ad oggi. Una volta delineato il quadro giuridico amministrativo degli enti dell'ultimo decennio, l'analisi mette in luce le ripercussioni economiche che il decentramento ha comportato ed in particolare lo squilibrio maturato tra risorse e funzioni demandate. Successivamente vengono prese in considerazioni alcune possibili alternative alla leva fiscale nel reperimento di risorse degli enti. Il lavoro si conclude con un'approfondita analisi dell'indebitamento degli enti territoriali e delle sue implicazioni con le diverse realtà territoriali sia dal punto di vista dell'accesso che del costo del credito; e con uno studio econometrico teso a mettere in luce quali siano le determinanti economiche nell'attribuzione degli spread delle emissioni obbligazionarie regionali (BOR).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Il contesto economico-istituzionale che il Paese sta affrontando da alcuni anni è assai complesso e di difficile inquadramento. Il numero e la forza dei cambiamenti occorsi nell’ultimo decennio hanno infatti mutato con decisione l’assetto amministrativo e finanziario italiano. Il progressivo decentramento delle competenze statali al livello sub-nazionale, rafforzatosi a partire dagli anni ’90, è stato senza dubbio l’incipit di quel non semplice cammino di riforma in essere tutt’oggi. Nel corso degli ultimi dieci anni, due sono stati i principali fattori di evoluzione della finanza pubblica italiana: risanamento e decentramento. Le ragioni alla base di quest’ultimo fenomeno si inseriscono in un quadro politico ed economico internazionale di riassetto dei rapporti economici e sociali a partire dal concetto (politico prima che economico) della sussidiarietà. In Italia, la ricerca di maggiore responsabilizzazione politico-finanziaria ed il perseguimento di condizioni di maggiore trasparenza nella conduzione della politica fiscale sono stati i fattori di riforma che hanno spinto verso un graduale superamento del sistema di finanza derivata – istituito all’inizio degli anni ’70 e basato su criteri di accentramento del potere fiscale e decisionale – e la scelta di un modello di finanza decentrata. Il percorso, avviato all’inizio degli anni ‘90 e scandito da diverse innovazioni legislative, nel corso del 2001 è stato definitivamente posto in essere con la riforma del Titolo V della Costituzione repubblicana. La continua perequazione delle passività locali, peculiarità del modello economico ante riforma, aveva infatti portato lo Stato ad assumere oneri sempre più gravosi in una situazione ove il debito pubblico si attestava a ben oltre il 100% del Pil. L’insostenibilità di tale situazione ha portato avanti l’idea che una diminuzione delle funzioni accentrate a livello statale verso quello locale potesse non solo distribuire gli oneri nazionali tra i vari enti, ma anche far sì che venisse ottimizzato, tramite l’assegnazione di maggiori responsabilità, l’uso delle risorse, cosa che raramente accadeva negli enti in un assetto fortemente accentrato come il precedente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bor
emissioni obbligazionarie
federalismo fiscale
finanza locale
indebitamento enti
riforma titolo v
sperequazione territoriale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi