Skip to content

L'amministratore indipendente nel sistema di corporate governance

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Netti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Libera Università Mediterranea "Jean Monnet"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Paola Schwizer
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Il tema della corporate governance ha assunto sempre maggior rilievo, negli ultimi anni, a causa di enormi scandali finanziari che hanno avuto un impatto immediato sui sistemi economici di tutte le economie occidentali. E’ evidente che ci si riferisce ai casi Enron e Worldcom che hanno sollecitato un’attenta riflessione su questi temi negli Stati Uniti, e ai ben noti crack Cirio e Parmalat per quanto riguarda il mercato italiano.
La portata di tali scandali indica con chiarezza che, quello a cui ci si trova di fronte, è un tema la cui trattazione non può prescindere da una valutazione di carattere globale; non sarebbe significativo analizzare il sistema di corporate governance italiano ignorando quelle che sono le best practice utilizzate nei mercati finanziari delle altre economie sviluppate. Lo sguardo verso tali sistemi sarà costante nella trattazione del tema, sebbene l’obiettivo di questo lavoro non sia quello di analizzare in profondità tutto il sistema e le regole della corporate governance , ma di affrontare i profili generali che portano alla definizione dell’ambiente in cui agisce e opera una figura ben precisa: quella degli amministratori o consiglieri indipendenti.
Chi sono? Cosa fanno? In cosa si differenziano dai normali amministratori esecutivi o non esecutivi? Perché sono (se effettivamente lo sono) indipendenti? Ha una validità la loro figura? Sono queste alcune delle domande a cui si tenterà di dare risposta nella trattazione dell’argomento attraverso una definizione della loro figura e delle loro funzioni nell’ambiente di riferimento.
Sarà questo il risultato a cui si tenterà di giungere dopo un’analisi teorica, indispensabile per poter comprendere al meglio le questioni appena elencate.
A tal proposito si affronterà nel primo capitolo una trattazione dei principali aspetti della corporate governance. L’argomento assume per sua natura carattere multidisciplinare in quanto analizza il rapporto tra i vari soggetti coinvolti nell’impresa e ciò risulta di fondamentale importanza per la competitività dell’impresa stessa e, di riflesso, del sistema economico in cui essa opera. Senza una puntuale descrizione di come vengono fissati e perseguiti gli obiettivi di una società, di come vengono ripartite le responsabilità relative alla loro realizzazione, di come garantire il rinnovamento del management in assenza di risultati soddisfacenti, diventa impossibile analizzare e sviluppare temi come la gestione delle risorse umane nell’azienda, le dinamiche di fusione e acquisizione e, in generale, tutte le tematiche organizzative.
Nel secondo capitolo si cercherà di realizzare un focus sulla figura centrale della trattazione: quella dell’amministratore indipendente. Si analizzeranno le cause della nascita risalente agli anni settanta a seguito degli scandali finanziari di quell’epoca negli USA, lo sviluppo e l’attuale implementazione del ruolo nelle principali economie di mercato; lo sguardo, a tal proposito, sarà rivolto alle discipline sviluppate in Europa e negli USA, raccolte prevalentemente all’interno dei codici di autodisciplina adottati (Cadbury Code, rapporto Vienòt, Serbanes-Oxley Act, Codice Preda, etc.).
Nel terzo e ultimo capitolo sarà affrontata una verifica di carattere empirico a partire dalle Relazioni sulla corporate governance diffuse da tutte le società quotate presso la Borsa Italiana. L’analisi che si affronterà avrà l’obiettivo di realizzare e delineare un quadro di quelle che sono le practice utilizzate nel sistema finanziario italiano alla luce di studi effettuati da associazioni e istituti di ricerca. Si proverà a concentrare l’attenzione sul ruolo degli amministratori indipendenti, tentando di desumerne indicazioni sulla sostanziale significatività di tale figura nelle imprese italiane. E’ importante cercare di capire se l’amministratore indipendente in Italia dia effettivamente un contributo nel consiglio d’amministrazione per evitare comportamenti opportunistici da parte del management, per garantire un’effettiva protezione nei confronti degli azionisti di minoranza e se sia effettivamente estraneo al conflitto d’interessi che potrebbe coinvolgere un esecutivo (condizione primaria per garantire l’indipendenza di un consigliere).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5Introduzione Il tema della corporate governance ha assunto sempre maggior rilievo, negli ultimi anni, a causa di enormi scandali finanziari che hanno avuto un impatto immediato sui sistemi economici di tutte le economie occidentali. E’ evidente che ci si riferisce ai casi Enron e Worldcom che hanno sollecitato un’attenta riflessione su questi temi negli Stati Uniti, e ai ben noti crack Cirio e Parmalat per quanto riguarda il mercato italiano. La portata di tali scandali indica con chiarezza che, quello a cui ci si trova di fronte, è un tema la cui trattazione non può prescindere da una valutazione di carattere globale; non sarebbe significativo analizzare il sistema di corporate governance italiano ignorando quelle che sono le best practice utilizzate nei mercati finanziari delle altre economie sviluppate. Lo sguardo verso tali sistemi sarà costante nella trattazione del tema, sebbene l’obiettivo di questo lavoro non sia quello di analizzare in profondità tutto il sistema e le regole della corporate governance , ma di affrontare i profili generali che portano alla definizione dell’ambiente in cui agisce e opera una figura ben precisa: quella degli amministratori o consiglieri indipendenti. Chi sono? Cosa fanno? In cosa si differenziano dai normali amministratori esecutivi o non esecutivi? Perché sono (se effettivamente lo sono) indipendenti? Ha una validità la loro figura? Sono queste alcune delle domande a cui si tenterà di dare risposta nella trattazione dell’argomento attraverso una definizione della loro figura e delle loro funzioni nell’ambiente di riferimento. Sarà questo il risultato a cui si tenterà di giungere dopo un’analisi teorica, indispensabile per poter comprendere al meglio le questioni appena elencate. A tal proposito si affronterà nel primo capitolo una trattazione dei principali aspetti della corporate governance. L’argomento assume per sua natura carattere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi