Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diacronia linguistica e vestimentaria negli spot televisivi. Da Carosello a oggi.

Questo lavoro è un’analisi in diacronia della parola e dell’abito dei vari personaggi della pubblicità televisiva, da Carosello ad oggi. La donna (mamma, casalinga, moglie, di successo), l’uomo (padre, marito, “scapolone”, in carriera), l’anziano, il bambino e l’adolescente: sono questi i protagonisti degli spot selezionati per il campione d’indagine. Attraverso un’analisi sia linguistica che vestimentaria si cerca di capire se il messaggio verbale e quello vestemico sono due messaggi distinti oppure congiunti, se esiste una corrispondenza tra abito e parola nei singoli personaggi osservati e se poi questa corrispondenza si riflette negli stessi personaggi che si palesano nella realtà. La realtà pubblicitaria rispecchia la realtà quotidiana?
Lo studio parte dal 1954 e arriva ai giorni nostri, al 2006, si basa su un campione di 45 spot, di cui è stato esaminato il linguaggio (lessico, morfologia, sintassi e retorica) e l’abbigliamento delle varie figure sociali oggetto di questa analisi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa C’è un’elegante signora, indossa un abito da sera rosso fuoco, e si trova nel salotto di una casa luccicante e accuratamente arredata. Lei è lì, al centro della scena, è perfetta, ma cosa sta facendo? Lava il pavimento. Siamo nel 2006 e questa è la descrizione dello spot di un noto detersivo per la pulizia della casa. In questo lavoro si analizzeranno, in diacronia, l’abito e la parola dei vari personaggi delle pubblicità televisive, da Carosello ad oggi. La donna (mamma, casalinga, moglie, di successo), l’uomo (marito, padre, in carriera, “scapolone”), l’anziano, il bambino, l’adolescente: questi sono i protagonisti degli spot analizzati, in totale quarantacinque, suddivisi secondo tre periodi storici. La finalità di questo studio è scoprire se esiste, o è esistita, una coerenza manifesta tra unità vestimentarie e unità linguistiche nella rappresentazione pubblicitaria dei diversi personaggi, nei diversi ruoli sociali che interpretano. L’indagine svolta parte ripercorrendo la storia della pubblicità televisiva in Italia, dalle prime réclame a quelle più recenti, focalizzando poi l’attenzione su cosa è e come parla uno spot, sul suo linguaggio studiato, biasimato ed elogiato da molti

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Giulia Martelli Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4148 click dal 13/12/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.