Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il discorso politico spagnolo: il Debate sobre el estado de la naciòn del 3 luglio 2007

Il presente lavoro si costituisce come un’indagine sull’attuale discorso politico spagnolo con l’obiettivo di descriverne le caratteristiche formali e linguistiche.
Lo studio si articola in tre capitoli.
Il primo capitolo è un tentativo di raccogliere le teorie più conosciute sulla definizione di linguaggi speciali, linguaggi specialistici, argots, gerghi, linguaggi settoriali ecc., per concentrarsi quindi sulla particolarità del linguaggio politico e sul problema del suo accostamento ad una di queste denominazioni.
Il secondo capitolo si sofferma inizialmente sul binomio politica-retorica, e su come questi due elementi interagiscano tra loro all’interno di un discorso politico, e successivamente ci proietta nell’ambito del discorso politico spagnolo, del quale si indicano le tappe storiche fondamentali.
Con il terzo capitolo entriamo nel nucleo di questo lavoro: a titolo esemplificativo è stata condotta un’analisi su un unico testo per individuarne le componenti che permettono di enumerare le caratteristiche generali del discorso politico spagnolo moderno.
L’analisi è progettata su due piani differenti: da un lato ci si sofferma sui termini e le espressioni comuni, le tendenze lessicali o fraseologiche, i neologismi, i forestierismi, l’evoluzione di alcuni termini lungo la storia politica spagnola e, finalmente, le figure retoriche; dall’altro ci si occupa della struttura del discorso politico attuale, ovvero si verifica se è ancora possibile applicare la suddivisione, risalente alla retorica antica, in exordium, narratio, argumentatio e peroratio, e di queste parti si descrivono le funzioni e le caratteristiche.
Entrambi i livelli dell’analisi mirano a rispondere a due quesiti: è ancora possibile applicare la struttura e le caratteristiche del discorso persuasivo tradizionale all’attuale discorso politico? Ed è corretto parlare di un corpus del linguaggio politico?

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro si costituisce come un’indagine sull’attuale discorso politico spagnolo con l’obiettivo di descriverne le caratteristiche formali e linguistiche. Lo studio si articola in tre capitoli. Il primo capitolo è un tentativo di raccogliere le teorie più conosciute sulla definizione di linguaggi speciali, linguaggi specialistici, argots, gerghi, linguaggi settoriali ecc., per concentrarsi quindi sulla particolarità del linguaggio politico e sul problema del suo accostamento ad una di queste denominazioni. Il secondo capitolo si sofferma inizialmente sul binomio politica-retorica, e su come questi due elementi interagiscano tra loro all’interno di un discorso politico, e successivamente ci proietta nell’ambito del discorso politico spagnolo, del quale si indicano le tappe storiche fondamentali. Con il terzo capitolo entriamo nel nucleo di questo lavoro: a titolo esemplificativo è stata condotta un’analisi su un unico testo per individuarne le componenti che permettono di enumerare le caratteristiche generali del discorso politico spagnolo moderno. La scelta dell’intervento del presidente del governo spagnolo José Luis Rodríguez Zapatero durante il Debate sobre el estado de la nación del 3 luglio del 2007 non è del tutto casuale, in quanto rappresenta un momento cruciale della legislatura di Zapatero, la sua quasi conclusione ma, proprio per questo, l’implicita presentazione della sua candidatura alle successive elezioni legislative spagnole. L’analisi è progettata su due piani differenti: da un lato ci si sofferma sui termini e le espressioni comuni, le tendenze lessicali o fraseologiche, i neologismi, i forestierismi, l’evoluzione di alcuni termini lungo la storia politica spagnola e, finalmente, le figure retoriche; dall’altro ci si occupa della struttura del discorso politico attuale, ovvero si verifica se è ancora possibile applicare la suddivisione, risalente alla retorica antica, in exordium, narratio, argumentatio e peroratio, e di queste parti si descrivono le funzioni e le caratteristiche. Entrambi i livelli dell’analisi mirano a rispondere a due quesiti: è ancora possibile applicare la struttura e le caratteristiche del discorso persuasivo tradizionale all’attuale discorso politico? Ed è corretto parlare di un corpus del linguaggio politico? 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Martina Bisconti Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2828 click dal 04/09/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.