Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Clitici in età prescolare. Un compito di produzione elicitata

Nel seguente elaborato parlerò dello studio che ho svolto nell'ambito dello sviluppo del linguaggio.
Negli ultimi decenni, gli studi sull’acquisizione hanno segnato evoluzioni notevoli nell’ambito dell’identificazione di criteri conoscitivi e metodologici ed anche sul piano degli interrogativi critici che le teorie sullo sviluppo del linguaggio dovrebbero poter approfondire esaustivamente.
In tempi più recenti, numerosi studiosi hanno focalizzato l’attenzione sull’acquisizione dei processi di comunicazione, ritenendo incluso, in questo ambito, anche l’apprendimento del linguaggio.
Si è assistito ad un fiorire di progetti che testimoniano un aumento di interesse per questo campo, insieme a spinte propositive e orientamenti affini anche in altre nazioni. Io ho svolto un lavoro cercando di descrivere e definire l’evoluzione dei pronomi clitici oggetto del mio studio, dal passato ad oggi.
Nel percorso delineato ho dato spazio, in aggiunta, a una breve descrizione delle trasformazioni della lingua relative a questo argomento, riportando le regole grammaticali che oggi dirigono, o hanno determinato nella storia passata, la posizione e il ruolo dei clitici nelle lingue romanze; ho parlato, degli usi di tali pronomi e delle difficoltà ad essi connesse.
Sono andata, poi, a presentare il lavoro che ho svolto, descrivendone gli obiettivi, le varie fasi, i partecipanti, i metodi utilizzati e, ovviamente, i risultati ottenuti che sono andata, quindi, a confrontare con quelli di altri test svolti in passato.
Ho delineato, pertanto, gli aspetti e le fasi che caratterizzano l’acquisizione della morfosintassi.
Il presente lavoro ha lo scopo di fornire le conclusioni di uno studio sperimentale condotto in due scuole per l’infanzia, su soggetti di cinque anni con sviluppo tipico.
La scelta dei criteri e delle metodologie di analisi trova supporto in vari studi e istanze teoriche che emergono dal panorama degli studi sull’acquisizione linguistica.
I risultati che ho ottenuto, verranno infine descritti attraverso rappresentazioni grafiche che ne illustrano le percentuali, per poi essere discussi e confrontati con altri studi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Negli ultimi decenni, gli studi sull’acquisizione hanno segnato evoluzioni notevoli nell’ambito dell’identificazione di criteri conoscitivi e metodologici ed anche sul piano degli interrogativi critici che le teorie sullo sviluppo del linguaggio dovrebbero poter approfondire esaustivamente. Finora, anche la grande maggioranza degli studi nel dominio della psicologia dello sviluppo è stata rivolta alla comprensione e alla spiegazione dei processi sottesi all’acquisizione e allo sviluppo del linguaggio, a iniziare dagli studi di Piaget e Vygotskij. In tempi più recenti, numerosi studiosi hanno focalizzato l’attenzione sull’acquisizione dei processi di comunicazione, ritenendo incluso, in questo ambito, anche l’apprendimento del linguaggio. Si è assistito ad un fiorire di progetti che testimoniano un aumento di interesse per questo campo, insieme a spinte propositive e orientamenti affini anche in altre nazioni. Ciò è avvenuto in relazione all’interesse della linguistica teorica per i problemi dell’acquisizione. Come si vedrà nelle prime pagine che seguono, ho svolto un lavoro cercando di descrivere e definire l’evoluzione dei pronomi clitici oggetto del mio studio, dal passato ad oggi (Maiden, 1998; Salvi e Cardinaletti, 2001). Nel percorso delineato ho dato spazio, in aggiunta, a una breve descrizione delle trasformazioni della lingua relative a questo argomento, riportando le regole grammaticali che oggi dirigono, o hanno determinato nella storia passata, la posizione e il ruolo dei clitici nelle lingue romanze (Legge di Wackernagel; Legge Tobler-Mussafia dell’italiano antico, fino al Trecento). Ho parlato, come si potrà leggere nel primo capitolo, degli usi di tali pronomi e delle difficoltà ad essi connesse (Bortolini, 2006; Matarrese, 2003), dando, così, un quadro generale sull’argomento, con riferimenti agli approcci e ai dibattiti tra vari studiosi sui cambiamenti sopra citati che hanno caratterizzato le funzioni e il collocamento dei pronomi clitici nel corso del tempo.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Valentina Ceriali Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1071 click dal 16/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.