Skip to content

Gong gong, pozzi e strade. Capi tradizionali e sviluppo nel Ghana occidentale.

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Colosio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Antropologia culturale ed etnologia
  Relatore: Alice Bellagamba
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

A Sefwi Wiawso, nella Western Region del Ghana, le comunità locali si radunano in assemblea per discutere ed organizzare le proprie attività quando dal palazzo del capovillaggio echeggiano le note del Gong Gong, lo strumento a percussione da sempre utilizzato dai capi per chiamare a raccolta i propri sudditi. A differenza di un tempo, però, i capivillaggio devono, oggi, disputarsi questo ruolo con le altre forme di autorità locale istituite dal governo repubblicano e si trovano, spesso, a chiamare a raccolta le rispettive comunità per organizzare ed amministrare progetti di sviluppo proposti da Organizzazioni Non Governative, forse le realtà politiche più vitali in questo primo scorcio di XXI secolo nell’Africa Occidentale. Osservando questo ambito di incontro, la mia tesi ha lo scopo di analizzare le dinamiche che si creano nell’incontro tra organizzazioni esplicitamente finalizzate allo sviluppo, come le ONG, e quelle che la Costituzione della Repubblica del Ghana definisce “autorità tradizionali”, ossia l’insieme di capivillaggio e le loro strutturazioni gerarchiche.
Ripercorrendo la complessa storia del Ghana, le cui strutture politiche precedono di molti secoli l’arrivo degli inglesi e la cui ricchezza si riflette anche nel contesto moderno, e cercando di far dialogare la tradizione antropologica che dagli albori della disciplina analizza le strutture politiche con le analisi più recenti dedicate alle ONG ed alla cooperazione internazionale, il mio lavoro evidenzia come lo sviluppo sia, oggi, la dimensione principale del dibattito politico. In particolare, giunge a ricontestualizzare un concetto cardine nella vita politica dell’Impero Asante (la principale autorità dell’area prima dell’arrivo degli inglesi) ossia il nkòsuò: questo termine, letteralmente “progresso”, ma perfettamente traducibile con l’odierno “sviluppo”, costituì per secoli la forma di legittimità di un tipo di potere che gli storici definirono, riprendendo la definizione di Max Weber, “patrimoniale” e torna ad essere fondamentale nello straordinario boom economico attraversato dalla repubblica africana nell’ultimo quindicennio. Pur in un contesto di realizzata democrazia formale, la definizione di Jean François Bayart di “stato neopatrimoniale” è perfettamente adeguata per descrivere le relazioni sociali a livello di comunità nel moderno Ghana democratico. Se la coesione sociale e la stabilità politica ed economica del paese lo rendono un modello per le altre repubbliche africane, ed il ruolo giocato dalla sinergia tra ONG, autorità locali ed autorità tradizionali una delle chiavi di questo successo, tuttavia l’analisi qualitativa dei rapporti sociali al livello delle singole comunità indica come il prezzo di questo successo sia stato il totale assoggettamento della vita politica a uomini di potere e lobbysti locali, sotto la legittimazione di quella che sembra essere l’unica ideologia uscita trionfante dal XX secolo: la ricerca della via più rapida per il successo economico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Una volta fu portato al cospetto di Alessandro Magno un famoso pirata fatto prigioniero. Alessandro gli chiese: “Perché infesti i mari con tanta audacia e libertà?”. Il pirata rispose: “Per lo stesso motivo per cui tu infesti la terra; ma poiché io lo faccio con un piccolo naviglio, sono chiamato pirata; poiché tu lo fai con una grande flotta sei chiamato imperatore”. (Agostino, La città di Dio, IV, 4) Queste parole, scritte da Agostino d’Ippona alla vigilia della grave crisi politica e militare destinata a portare, nel giro di poco più di un secolo, alla fine dell’Impero Romano, sintetizzano in maniera rapida ed efficace il problema cruciale della filosofia e della scienza politica: qual’é la legittimità in virtù della quale viene esercitato un potere, ossia da dove deriva l’autorità. Il pensatore cristiano, dopo aver paragonato i pirati che infestavano il mediterraneo all’imperatore Alessandro, provò a risolvere il problema attraverso l’idea della giustizia che, dalla città ideale di Dio, avrebbe dovuto fungere da guida per le autorità politiche terrene. La legittimità dei sovrani sarebbe, dunque, scaturita dalla conformità a questo ideale superiore. Vari pensatori affrontarono la tematica nel tempo, approdando a conclusioni radicalmente differenti. Con questo lavoro, vorrei provare ad affrontare la problematica da un punto di vista differente: in primo luogo, coerentemente rispetto all’approccio dell’antropologia culturale, ancorando le riflessioni teoriche ad un contesto definito, nella fattispecie il distretto di Sefwi Wiawso, in cui ho svolto la mia indagine etnografica; in secondo luogo, affrontando il tema non tanto dal punto di vista della natura e dell’origine dell’autorità, quanto da quello della sua finalità. Per questa ragione, nel titolo, ho accostato il gong gong, lo strumento tramite cui il capo raduna la comunità, esercitando la propria autorità sui suoi sudditi, ai pozzi ed alle moderne strade asfaltate, oggetti comunemente correlati allo sviluppo, che sembra essere, oggi, lo scopo di gran parte delle comunità rurali, nonché la principale fonte di legittimità politica. Nel corso dell’ultimo cinquantennio, con l’eccezione, fino alla fine degli anni ’80, dei paesi del blocco socialista, tutto il mondo non occidentale è rientrato nella macrocategoria di “terzo mondo”, per il quale la priorità è stata una sola: lo sviluppo. Attraverso il suo opposto, ossia il sottosviluppo, le giovani nazioni postcoloniali si sono trovate inserite in una complessa rete di 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

africa
antropologia culturale
antropología política
autorità tradizionali
potere patrimoniale
sviluppo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi