Skip to content

Il pensiero pedagogico di John Dewey in ''Democrazia e educazione''

Informazioni tesi

  Autore: Martina Garzoglio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Anna Bondioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Lo studio di Dewey permette di capire meglio il momento in cui si sono percepite le ragioni di un necessario cambiamento, soprattutto nei presupposti teorici, della pedagogia e della scuola stessa; a fronte della nuova considerazione del bambino, proposta da Ferriere, esso viene ritenuto finalmente un essere dotato di caratteristiche sue proprie, diverse a livello quantitativo e soprattutto qualitativo, da quelle dell’adulto.
La mia analisi è suddivisa in due capitoli: nel primo e nel secondo paragrafo del primo capitolo vengono ripercorse sinteticamente le fasi del pensiero filosofico deweyano e sono presentate le influenze da esso ricevute sia dal pragmatismo americano che dal darwinismo, per arrivare a configurare le linee generali dello strumentalismo, termine con cui Dewey stesso definisce il suo pensiero per sottolinearne le differenze rispetto ai pragmatisti classici. Nel terzo paragrafo inizia la riflessione sull’educazione che prende avvio dalla nuova concezione deweyana dell’esperienza; essa rappresenta la congiunzione del futuro con il presente, è adattamento all'ambiente e impulso progressivo alla vita.
L'educazione viene concepita, in questo orizzonte teorico, come forma di ricostruzione e di riorganizzazione continua proprio dell'esperienza, allo stesso tempo personale e sociale e ciò, nelle comunità progressive, dovrebbe spingere a sollecitare nei giovani non solo la riproduzione delle abitudini correnti ma anche l'elaborazione di forme di vita migliori.
A fronte di questa nuova definizione di esperienza e di educazione vengono illustrati i principi più significativi del pensiero pedagogico deweyano: il concetto di scuola attiva, di esperienza educativa, di crescenza, di transazione.
Il secondo capitolo presenta invece un lavoro trasversale sul testo Democrazia e educazione; dopo una prima lettura, ho scelto quattro tematiche: la nuova concezione dell’educazione e gli scopi di essa, il ruolo di insegnanti e allievi, la suddivisione del sapere e la suddivisione delle materie e ho rianalizzato il testo attraverso questi quattro percorsi cercando di mettere in evidenza i punti innovativi della proposta di Dewey e soprattutto quelli che ancora oggi sarebbe importante tenere presenti in ogni esperienza educativa a qualsiasi livello.
Il punto di partenza della riflessione attraverso il testo parte dalla nuova definizione di pedagogia in quanto essa implica necessariamente una rivisitazione degli scopi, dei metodi, dei ruoli delle figure e delle materie. Considerare il processo educativo come uno sviluppo attivo in cui gli elementi che lo compongono si ridefiniscono all’interno del rapporto stesso e vedere nella scuola una realtà in grado di rappresentare una vera dimensione della società e non solo un qualcosa in grado di preparare all’inserimento in essa comporta uno stravolgimento totale di tutto ciò che inerisce l’insegnamento e i contesti scolastici; il percorso compiuto tenta di chiarire in che modo, secondo Dewey, dovrebbe cambiare l’impostazione metodologica dell’insegnante nel rispetto della figura dell’allievo con l’obbiettivo di trarre il massimo guadagno dall’incontro fra gli stessi.
L’analisi ripercorre anche la critica di Dewey agli scopi educativi prefissati e da realizzare nell’immediato. L’autore insiste in molti punti del testo sulla necessità di avere sempre presente, nell’insegnamento, come finalità ultima, l’apertura della mente e lo sviluppo del pensiero e, come obbiettivi a breve termine, solo quelli che permettono di indirizzare in fase preliminare i processi di apprendimento.
Viene presentata infine una riflessione su come per tradizione gli ambiti del sapere sono stati suddivisi e viene proposto, tramite le parole dell’autore, un nuovo utilizzo più strumentale dei contenuti in generale e soprattutto di quelli in grado di indirizzare la mente, e quindi la conoscenza, verso nuovi orizzonti di senso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questo mio lavoro di approfondimento su Dewey nasce sulla spinta di un interesse emerso già al liceo, quando cioè, per la prima volta, ho iniziato a studiare la storia della pedagogia e le riflessioni di molti filosofi sul grande e importante tema dell’educazione e della scuola. Lo studio di Dewey permette di capire meglio il momento in cui si sono percepite le ragioni di un necessario cambiamento, soprattutto nei presupposti teorici, della pedagogia e della scuola stessa a fronte della nuova considerazione del bambino ritenuto finalmente un essere dotato di caratteristiche sue proprie, diverse a livello quantitativo e soprattutto qualitativo, da quelle dell’adulto. Nella parte iniziale del primo capitolo vengono ripercorse sinteticamente le fasi del pensiero filosofico deweyano e vengono presentate le influenze da esso ricevute sia dal pragmatismo americano che dal darwinismo, per arrivare a configurare le linee generali dello strumentalismo, termine con cui Dewey stesso definisce il suo pensiero per sottolinearne le differenze rispetto ai pragmatisti classici. Successivamente, partendo dalla nuova definizione di esperienza vengono illustrate, facendo riferimento a vari testi, tutte le caratteristiche del pensiero pedagogico e della nuova concezione di scuola. Il secondo capitolo presenta invece un lavoro trasversale sul testo Democrazia e educazione; dopo una prima lettura, ho scelto quattro tematiche (la nuova concezione dell’educazione e gli scopi di essa, il ruolo di insegnanti e allievi, la suddivisione del sapere e la suddivisione delle materie), e ho rianalizzato il testo attraverso questi quattro percorsi cercando di mettere in evidenza i punti innovativi della proposta di Dewey e soprattutto quelli che ancora ora sarebbe importante tenere presenti in ogni esperienza educativa a qualsiasi livello.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

attivismo
crescita
democrazia e educazione
educazione
esperienza educativa
incontro educativo
jerome bruner
john dewey
metodi educativi
pedagogia
pensiero filosofico dewey
ruolo alunni
ruolo insegnante
ruolo stato nella scuola
scienze dell'educazione
scopi educativi
scuola attiva
scuola e società
scuola nuova
strumentalismo
suddivisione del sapere
transazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi