Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Recupero e riutilizzo dei liquami civili per irrigazione del verde pubblico nella frazione di Cognento - Comune di Modena. Esempio di water reclamation in Italia.

La salvaguardia qualitativa delle acque costituisce un problema di grande attualità ecologica spesso male affrontato e talvolta sottovalutato. Una delle soluzioni che consentono il raggiungimento di standard qualitativi adeguati è costituita dall'impiego dei vegetali come vero e proprio sistema di trattamento (tecnologia di fitodepurazione). Tra i vari sistemi di fitodepurazione, una tecnologia spicca avanzata: il Sistema Integrato di Fitodepurazione; che si basa sull’integrazione dei processi di fitodepurazione con quelli dei sistemi di trattamento convenzionali. La tecnologia SIF è stata applicata su molte tipologie di reflui (civili,industriali, etc); il primo esempio di Water Reclamation è stato l’impianto del “Quartiere Bioecologico” della frazione di Cognento, nel Comune di Modena, oggetto del presente elaborato finale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Pag 5 di 104 1 Introduzione L’importanza che stanno assumendo il rispetto dell’ambiente e l’utilizzo parsimonioso delle risorse naturali e il loro riciclo talvolta produce l’effetto di stimolare la Programmazione di uno Sviluppo Sostenibile. Con questo spirito nasce il Progetto Bioecologico del Comune di Modena, finalizzato alla realizzazione di un Quartiere residenziale, nella Frazione di Cognento, pensato e realizzato secondo le più moderne tecnologie di bioedilizia ecocompatibile. Il presente elaborato pone l’attenzione sulle tematiche più strettamente collegate alla risorsa idrica; in particolare sulla necessità odierna e futura di attuare interventi di Water Reclamation, ossia interventi volti al trattamento, recupero e riutilizzo in tutta sicurezza delle acque reflue, mediante l’utilizzo di sistemi e tecnologie efficaci, a basso impatto ambientale ed al minor costo possibile. Nei capitoli seguenti dopo una necessaria introduzione sui principali aspetti di tutela ambientale, verrà delineato il quadro normativo di riferimento Nazionale, nonché gli indirizzi e le indicazioni fornite in merito dall’Europa attraverso le proprie direttive. La trattazione dei principali sistemi di fitodepurazione introdurrà le peculiarità proprie degli impianti S.I.F. (Sistemi Integrati di Fitodepurazione), evidenziandone le motivazioni che rendono compatibile tale tipologia di impianto con il Progetto Bioecologico della Frazione di Cognento. In seguito lo studio e l’elaborazione dei dati analitici rilevati durante il funzionamento dell’impianto e la determinazione delle rese depurative seguiranno un’adeguata descrizione della struttura e del funzionamento dell’impianto. Nell’ultima parte verranno affrontati gli aspetti propriamente economici che contraddistinguono la tecnologia SIF, rendendola versatile, economicamente vantaggiosa ed ecocompatibile, in quanto a bassissimo impatto ambientale.

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Ettore Arcangeletti Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 694 click dal 11/03/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.