Skip to content

Lo storytelling nelle organizzazioni e nella comunicazione politica

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Ciccotosto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Monica Turci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Lo storytelling ha invaso negli ultimi anni, in modo più o meno pacifico, tutti i settori della nostra società. Raccontare storie è diventata una tecnica ad uso e consumo di chiunque, soprattutto di chi ha come obiettivo il comunicare qualcosa, o, nel peggiore dei casi, vuole controllare le opinioni altrui.
A lungo visto come una forma di comunicazione riservata ai bambini, praticata esclusivamente nelle ore di svago e analizzata solo da studi letterari, lo storytelling ha cominciato ad essere considerato una disciplina e un metodo di lavoro, da poter adottare in settori come le organizzazioni e la comunicazione politica. Questo ha portato le nostre vite personali e lavorative a divenire costantemente avvolte da una sorta di rete narrativa, che filtra le nostre percezioni, stimola i nostri pensieri ed evoca le nostre emozioni.

Con questo lavoro ci proponiamo di analizzare questo sviluppo dello storytelling nella nostra società e di descrivere le modalità con cui la narrazione viene utilizzata dalle organizzazioni e per fini di comunicazione politica. Al termine vedremo se tale sviluppo può essere considerato in termini positivi o negativi; cercheremo in particolare di capire, attraverso degli esempi, se raccontare storie può rappresentare una valida opportunità per far passare un messaggio e come difendersi da chi “racconta storie” nel senso negativo del termine.

Il testo è diviso in due parti: nella prima, che corrisponde al primo capitolo, si affronta lo storytelling dal punto di vista teorico, con una presentazione delle tecniche di sfruttamento della narrazione; nella seconda, che corrisponde al secondo e terzo capitolo, si portano delle dettagliate esemplificazioni che mostrano l’attuazione nella pratica di suddette tecniche.

Il primo capitolo parte dalle radici dello storytelling, per spiegare cosa vuol dire raccontare una storia, in che modo può essere fatto e con quali obiettivi, per poi passare alla descrizione di come esso si sia evoluto negli ultimi anni e di cosa sta accadendo in quella che i sociologi chiamano “nuova epoca narrativa”, dove la narrazione entra prepotentemente nelle riunioni di lavoro delle grandi aziende americane (e in quelle italiane qualche anno più tardi) e viene assunta dai presidenti degli Stati Uniti e dai loro consulenti per comunicare ai cittadini.

Nel secondo capitolo ci si concentra sullo storytelling all’interno delle organizzazioni, raccontando tre storie chiave della sua evoluzione in ordine cronologico: la prima è quella di Stephen Denning alla Banca Mondiale, che può essere considerata il punto di partenza dell’uso della narrazione nel management nelle organizzazioni; la seconda è quella di Nike Inc., una vicenda che dimostra l’importanza dello storytelling nel rappresentare l’immagine di un’azienda; la terza è quella di Steve Jobs, fondatore di Apple Inc., che in un celebre discorso all’Università di Stanford fece ricorso alle norme dettate dallo storytelling.
In seguito vengono descritte le esperienze di tre aziende italiane con lo storytelling, raccontate dai loro esponenti al Convegno di Pavia del 19 ottobre 2009, per poi confrontarle con la realtà americana.

Il terzo capitolo è dedicato invece alla comunicazione politica americana, e si concentra sullo storytelling dell’ex Presidente George W. Bush; vengono analizzati in particolare i seguenti punti: l’uso delle storie, l’opera del suo spin doctor, l’adozione delle tecniche del marketing e l’impiego delle tecnologie; gli stessi punti vengono poi presi come riferimento per riassumere la campagna elettorale dell’attuale Presidente Barack Obama, per poi concludere il capitolo con un confronto tra i due.

In conclusione faremo delle ultime considerazioni su quanto detto nei capitoli precedenti: vedremo se lo sviluppo dello storytelling ha portato ad un peggioramento o un miglioramento della società e se si tratta di uno strumento di cui approfittare o da cui difendersi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Lo storytelling ha invaso negli ultimi anni, in modo più o meno pacifico, tutti i settori della nostra società. Raccontare storie è diventata una tecnica ad uso e consumo di chiunque, soprattutto di chi ha come obiettivo il comunicare qualcosa, o, nel peggiore dei casi, vuole controllare le opinioni altrui. A lungo visto come una forma di comunicazione riservata ai bambini, praticata esclusivamente nelle ore di svago e analizzata solo da studi letterari, lo storytelling ha cominciato ad essere considerato una disciplina e un metodo di lavoro, da poter adottare in settori come le organizzazioni e la comunicazione politica. Questo ha portato le nostre vite personali e lavorative a divenire costantemente avvolte da una sorta di rete narrativa, che filtra le nostre percezioni, stimola i nostri pensieri ed evoca le nostre emozioni. È sufficiente accendere la televisione per diventare testimoni di questa invasione narrativa; basta infatti guardare un telegiornale per ascoltare i personaggi politici che non fanno altro che raccontare storie (gratificanti sul proprio conto e denigranti verso i loro avversari), mentre gli spot pubblicitari assumono sempre più la forma del racconto, con tanto di protagonisti, nemici da sconfiggere e morali da seguire. Altre narrazioni non sono invece sotto gli occhi di tutti: lo storytelling può essere adottato nelle organizzazioni per la gestione del personale, oppure dagli esperti di comunicazione politica per creare realtà favorevoli a dei candidati presidenti. Questi usi celati o meno dello storytelling hanno tutti qualcosa in comune: immergere l’ascoltatore della storia in un universo fittizio, in una dimensione più piacevole priva di noiosi dati formali e ragionamenti forzatamente razionali. Con questo lavoro ci proponiamo di analizzare questo sviluppo dello storytelling nella nostra società e di descrivere le modalità con cui la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre
brand
bush
charlotte beers
christian salmon
comunicazione politica
convegno pavia
corporate
corporate storytelling
digital storytelling
karl rove
marketing
narrazione
narrazione d'impresa
nike
obama
organizzazioni
raccontare impresa
spin doctor
steve denning
steve jobs
storyteller
storytelling
storytelling management

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi