Skip to content

La Grande Crisi: analogie e criticità rispetto alla crisi del 1929

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Francesca
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Lavoro, Impresa e innovazione
  Relatore: Luigi Campiglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 254

Le caratteristiche peculiari dell’economia statunitense degli ultimi decenni del ‘900 risiedono nella rivoluzione microelettronica e della globalizzazione giunte a maturità negli anni ‘90, anticipate e spinte dalla rivoluzione liberale dei primi anni ‘80. Grazie alla svolta reaganiana e monetarista l'economia Usa fu soggetta a una rapida deregolazione e a un’accelerazione nell'apertura all'estero. Postulando un minore intervento dello Stato nell'economia e affidandosi alla capacità dei mercati di autoregolamentarsi, il pensiero neoliberista si tradusse in una spinta liberalizzazione internazionale comportando l'abbattimento dei controlli dei flussi di capitali e smantellando le normative e la regolamentazione sugli strumenti e sui mercati finanziari. Brender e Pisany hanno evidenziato come la congiuntura positiva e il declino dei prezzi registrati dall’economia americana non fossero l'esito di un capitalismo 'puro' di libero mercato, ma il risultato della politica monetaria condotta da Greenspan, con particolare successo dopo il 1995. Negli ultimi decenni, in assenza di gravi tensioni inflazionistiche, le politiche monetarie erano rimaste a lungo espansive comportando una forte crescita degli aggregati monetari e creditizi e una generalizzata riduzione dei premi per il rischio. L’economia mondiale era entrata in una fase nuova, la “Grande Moderazione” caratterizzata da una crescita sostenuta e priva di significative oscillazioni. Nei quattro anni precedenti all’estate del 2007 le condizioni macro-finanziarie apparivano, in superficie, molto favorevoli. L’economia mondiale cresceva vigorosamente, l’inflazione era moderata, la liquidità nei mercati dei capitali era abbondante e il settore finanziario offriva rendimenti notevoli. In questo contesto l’innovazione progrediva rapidamente: si pensi alle cartolarizzazioni. Le banche riconfezionavano i prestiti, soprattutto i mutui ipotecari, per poi rivenderli, liberando così capitali da destinare a nuovi prestiti e distribuendo il rischio tra molteplici operatori. In questo quadro economico l’economia e il sistema finanziario mondiali stavano accumulando squilibri significativi a vari livelli. In particolare l’esuberanza dei prezzi degli immobili e dell’attività di cartolarizzazione aveva agevolato una crescita smisurata del credito. In aggiunta mentre alcuni paesi (Giappone e Cina) risparmiavano in misura eccessiva, altri (Usa e Europa orientale) si indebitavano per finanziare consumi e investimenti. Questi andamenti non erano sostenibili e sarebbe bastata una scintilla per innescare forti turbolenze nei mercati finanziari mondiali. Tutto era pronto per la valanga. Cosa che poi si è verificata nel mercato statunitense dei mutui ipotecari. L’aumento delle inadempienze e delle procedure esecutive immobiliari (foreclosure) ha messo in luce l’esuberanza del mercato degli immobili residenziali, causando il brusco arresto del mercato dei mutui di qualità non primaria, i cosiddetti subprime. I mercati delle cartolarizzazioni si sono paralizzati, le banche hanno dovuto ritrasferire attività dalle società veicolo ai propri bilanci e ha iniziato a sgretolarsi la fiducia nei mercati finanziari. Secondo gli economisti del FMI, i primi a fare un paragone sistematico e puntuale fra il 1929 e il 2008, le due crisi sono uniche nel loro genere e sono straordinariamente simili per cause, profondità ed effetti. Nel WEO 2009, gli economisti del FMI spiegano che le due crisi sono ambedue esplose al centro dell’economia mondiale, nascono da una tempesta finanziaria e hanno un impatto globale. L’innesco, nel 1929 e nel 2008, è identico: la rapida espansione del credito e la creazione di nuovi prodotti finanziari hanno portato ad un indebitamento troppo facile, che ha reso il sistema vulnerabile a improvvisi rovesci. In entrambi i casi, si è pagato un eccesso di ingegnosità degli uomini della finanza. Il 2008 è stato il boom dei mutui immobiliari e dei crediti impacchettati. Il 1929 non fu da meno: boom degli acquisti a rate, finanzieri che compravano in Borsa a credito, dando come garanzia gli stessi titoli che compravano. Sia allora, che oggi, la finanza si è trovata in crisi di liquidità e di finanziamento. Dopo il 1929, la finanza sperimentò una contrazione di fondi, perché la gente corse in massa a ritirare dalle banche i depositi, su cui si reggeva la costruzione del credito. Anche questa volta, secondo gli economisti del Fondo, l’assalto agli sportelli c’è stato, anche se non è avvenuto per strada, grazie all’assicurazione sui depositi dei correntisti, ma nell’ombra discreta degli uffici e dei terminali dei computer. Perché, oggi, il castello del credito si regge, grazie al sistema finanziario ombra, sugli investimenti in titoli e crediti degli stessi istituti. Gli effetti, raccontano gli economisti del FMI, sono identici: le banche vendono a prezzi più contenuti i titoli in cassaforte e chiedono ai debitori di restituire i prestiti, prestando a loro volta sempre meno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
17 1.1.3 La restaurazione della stabilità monetaria e il ruolo del gold standard Nel gold standard l'oro rappresenta lo standard monetario in ambito internazionale e all'interno dei paesi aderenti. All‟interno del regime aureo ogni moneta aveva una parità metallica fissa, cioè il suo valore era determinato da una certa quantità di oro. La moneta cartacea era sempre convertibile e il tasso di cambio fra le monete di paesi differenti si manteneva stabile, in quanto poteva variare solo entro una parità prestabilita. L'epoca del "regime aureo" ebbe inizio tra il 1816-21, quando l'Inghilterra, dopo le guerre napoleoniche, definì la convertibilità della cartamoneta in oro che divenne la forma prevalente di denaro mondiale solo intorno agli anni '60 del XIX secolo. La base aurea venne adottata dalla Germania solo nel 1872 e dagli Usa nel 1900. Oltre al pregio di una intrinseca capacità di autoregolazione attraverso il meccanismo dei flussi di oro, il gold standard garantiva l'equilibrio nel commercio internazionale: eventuali deficit della bilancia dei pagamenti di un paese provocavano un deflusso di oro, una diminuzione dei prezzi, l‟aumento delle esportazioni, ritorno del metallo e un nuovo equilibrio (meccanismo di price-specie-flow). Il sistema bancario non doveva che adeguarsi ai flussi aumentando o diminuendo il tasso di sconto in relazione alla scarsità o abbondanza di riserva metallica (rispetto delle cosiddette "regole del gioco"). La ricerca storica ha però mostrato come fossero frequenti le violazioni di queste regole nel movimento dei capitali, e come gli squilibri della bilancia dei pagamenti fossero compensati, più che dai flussi di oro, da movimenti di capitale a breve termine e, viceversa, afflussi di metallo fossero frequentemente sterilizzati per non accrescere la quantità di moneta all'interno. Il sistema aureo, generalmente visto come una fonte essenziale di prosperità del tardo diciannovesimo e dei primi del ventesimo secolo, fu sospeso allo scoppio della grande guerra. Bordo e Kydland (1990) hanno sostenuto che l‟interruzione in periodo di guerra, seguito da un ritorno all‟oro e alle parità precedenti, debba essere considerato parte del normale funzionamento del regime aureo. Pochi paesi uscirono dalla guerra con i loro sistemi monetari e valutari incolumi: alla fine del 1920 la maggior parte delle monete europee era scesa al di sotto delle parità prebelliche poiché la guerra aveva gravemente indebolito i meccanismi produttivi di numerose economie, provocando problemi di bilancia dei pagamenti e soprattutto la diffusa adozione di metodi inflazionistici di finanziamento. Italia e Francia avevano favorito la svalutazione monetaria, per incentivare le proprie esportazioni, mentre la Germania, travolta dall‟iperinflazione, fu costretta ad

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analogie e criticità rispetto alla crisi 1929
cartolarizzazioni
crisi del 1929
crisi economica
crisi finanziaria 2007-2009
elementi di criticità della crisi attuale
i mutui subprime
i ruggenti anni '20
il crollo del 1929
il mercato immobiliare americano
il ruolo delle banche nella crisi
il trentennio neoliberista
l'economia anni venti in italia
l'economia fascista
l'imi e l'iri
la crisi finanziaria
la crisi finanziaria 2007 sul sistema economico
la finanza internazionale
la globalizzazione
la grande crisi del 2007
la grande depressione in italia
la politica economica
la situaizone economica dopo la grande guerra
lehman brothers

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi