Skip to content

Il Complesso Monumentale della Carità: la conoscenza analitica del cantiere finalizzata al restauro ed alla progettazione di un piano di manutenzione

Informazioni tesi

  Autore: Elena Dell'Andrea
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze chimiche
  Relatore: Renata Codello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 210

Nell’ambito delle indagini sulle cortine murarie presso il Complesso della Carità in Venezia, durante i sopralluoghi, sono emerse, da osservazioni visive, tessiture murarie differenti. Il ritrovamento di mattoni piuttosto grandi, anomali per l’epoca d’uso, presso la chiesa della Carità ha avviato l’idea dello studio della loro provenienza tramite un lavoro incrociato di ricerca storica ed analisi mensiocronologiche con risultati degni di attenzione. Le grandezze caratteristiche dei mattoni sono state messe in relazione all’epoca d’uso e ai vari interventi di restauro che si sono succeduti nell’intero complesso.
Si trattava quindi di studiare le unità stratigrafiche murarie, i rapporti che intercorrono tra queste e la loro successione temporale, per poter definire l’epoca degli interventi costruttivi o di modifica della fabbrica.
Per poter mettere a punto una sequenza temporale relativa alle misure effettuate sono state prese in considerazione misure note relative alla stesura della curva mensiocronologica di Venezia , tuttavia sempre con metodo critico.
Grazie a spessore o altezza, lunghezza e profondità, sono stati datati gruppi di laterizi e successivamente sono stati correlati agli interventi subiti dalla fabbrica. Questa metodologia è stata applicata al caso più complesso, quello relativo alla chiesa della Carità, dove le successioni stratigrafiche risultavano essere piuttosto complesse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA 1 La manutenzione è l’atto del mantenere qualcosa efficiente ed in buono stato, ovvero, per quel che concerne il nostro campo di studi, quell’insieme di operazioni volte a rallentare il deterioramento dei materiali e delle strutture che costituiscono un bene culturale. Tali operazioni vanno però distinte in: operazioni di manutenzione straordinaria, che talvolta porta all’intervento di restauro ed operazioni di manutenzione ordinaria, che normalmente seguono nel tempo l’intervento vero e 2 proprio . Nell’ottocento, per far fronte ad esigenze di recupero di oggetti d’arte, di opere architettoniche di un certo pregio artistico e non solo, nascono alcune idee sul restauro che si sviluppano individuando metodi diversi per il recupero degli edifici e dei materiali che li costituiscono. Le idee di conservare i monumenti più antichi o con un più alto valore artistico, vengono riflesse nelle pratiche costruttive e conservative che si sono succedute nel tempo, contribuendo alla loro storia. Un monumento architettonico o un’opera d’arte sono infatti il risultato anche di questi processi. 3 Sin dall’antichità infatti gli edifici più importanti venivano costruiti a “regola d’arte” e si cercava di mantenerli in buono stato ed in uso mediante l’attività manutentiva. Inoltre i materiali da costruzione appartenenti alle strutture non più in uso venivano talvolta reimpiegati. Dall’esigenza di mantenere efficienti le opere architettoniche deriva la conseguenza di mantenere vivo il passato di un luogo in quanto sono gli stessi edifici ad essere divenuti documento materiale. Da queste esigenze di conservare memoria, matericità e bellezza, nascono così i concetti di conservazione e restauro che alimentano il dibattito dei grandi architetti a partire dall’ottocento. Le idee seppur diverse di 4 Quatremére de Quincy, Viollet-le-Duc, Ruskin e Morris, contribuiscono a formare i 1 Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana, Milano, Zanichelli, 1971 2 Raccomandazioni NORMAL 20/85, Interventi conservativi: progettazione, esecuzione e valutazione preventiva, 1985 3 D. Bosia, Ritrovare la manutenzione, in Ripensare alla manutenzione, Scienza e Beni culturali, Edizioni Arcadia Ricerche, XV, 1999, p. 61 4 R. Codello, Teoria e tecnica del restauro architettonico, Dispensa del corso di laurea triennale in Scienze e tenologie chimiche per la conservazione ed il restauro, Ca’ Foscari, Venezia, anno accademico 2002-2003 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accademia di belle arti
analisi colorimetriche
analisi porosimetrica
campagna analitica
canaletto
cantiere
convnto della carità
coordinate di tristimolo
cortine murarie
lazzari
legge merloni
mensiocronologia
microscopio
normal
palladio
pavimentazione palladiana
piano di manutenzione
progetto diagnostico
rilievi
selva
sem-eds
specie ioniche solubili
umidità
venezia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi