Skip to content

Privacy e diritto di cronaca

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Senatore
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giovanni Pascuzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

L’intento del presente lavoro è quello di approfondire la tematica della privacy, ossia del diritto al controllo sui propri dati personali, soffermandosi in particolare sul trattamento dei dati effettuato nell'esercizio dell'attività giornalistica. Questa attività suscita infatti peculiare interesse, in quanto coinvolge diversi diritti costituzionali potenzialmente confliggenti e, in tale misura, oggetto di necessario bilanciamento: a venire in risalto sono, da un lato, i diritti della persona (e tra questi primariamente quelli alla riservatezza ed all'identità personale) e, dall'altro, la libertà di manifestazione del pensiero ed il diritto all'informazione.
Il percorso scelto prende le mosse (nell'Introduzione) da una retrospettiva sul concetto di “privacy” nell'ordinamento italiano: viene richiamata la serie delle principali tappe giurisprudenziali e legislative attraverso le quali tale nozione si è, prima, affermata in ambito giuridico e, poi, sviluppandosi, ha acquisito un'identità semantica autonoma rispetto al concetto di riservatezza. Nel capitolo I è offerto un quadro generale della disciplina che il d.lgs. 196/2003 (Codice per la protezione dei dati personali) riserva alla privacy. Ricostruita in tal modo l'intelaiatura fondamentale delle norme in materia risulta più agevole l'analisi, contenuta nel capitolo II, delle disposizioni specificamente dedicate al trattamento dei dati personali nell'esercizio dell'attività giornalistica – tenendo tra l'altro conto del codice deontologico di settore. Dopo aver passato in rassegna i più significativi tra i provvedimenti recenti dell'Autorità garante sul tema, infine, ci si sofferma (con l'ultimo capitolo) sull'orientamento del Collegio rispetto ad un caso specifico: la divulgazione online, sul sito dell'Agenzia delle entrate, dei dati fiscali dei contribuenti per l'anno 2005, e la conseguente pubblicazione degli stessi da parte del quotidiano L'Adige; la vicenda, che nel 2008 ebbe un'importante risonanza mediatica, viene in questa sede ricomposta e valutata da un'ottica giuridica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE EVOLUZIONE STORICA DEL DIRITTO ALLA PRIVACY 1. Accezione originaria del diritto La nascita della nozione moderna di privacy viene comunemente fatta risalire ad una vicenda americana di fine Ottocento. Le cronache di Boston, nel 1890, erano solite riservare considerevole spazio ed evidenza alla vita mondana della moglie dell'avvocato Samuel Warren; il quale, evidentemente custode di un'idea di vita privata come recinto borghese (come non si entra nella proprietà, così non si entra nella vita privata), ne traeva notevole fastidio. L'avvocato ed il suo amico Louis Brandeis, futuro componente della Corte Suprema degli Stati Uniti e grande giudice progressista, si misero pertanto a tavolino e stesero un articolo, The Right to Privacy 1 , rimasto poi famoso e considerato tuttora il punto di partenza del diritto alla privacy. Gli autori, intendendo il diritto alla privacy come “the right to be left alone”, riprendevano uno schema classico della cultura giuridica: la logica proprietaria delle chiusure, degli steccati che impediscono l'accesso all'altrui terra. ¨ la classica definizione di proprietà come ius excludendi alios. “Il borghese moderno si appropria così del suo spazio interiore secondo le stesse tecniche che gli avevano permesso di appropriarsi dello spazio fisico, con una vicenda che si manifesta in modi diversi nei vari paesi ma che può essere emblematicamente riassunta nel fenomeno delle enclosures, delle 1 WARREN, S.D., BRANDEIS, L.D., The Right to Privacy, in Harvard Law Review, 5, 1890 (vol. 4), pp. 193-220.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi