Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’errore professionale in sanità: studiarlo per trasformarlo in opportunità di crescita

Le Aziende Sanitarie ed Ospedaliere sono chiamate oggi a riflettere sulle proprie potenzialità in termini di strategie da mettere in campo, programmi, corretto utilizzo e coinvolgimento dei professionisti nel processo di individuazione e gestione dell'errore.
Nuovi strumenti permettono oggi, se ben condotti, di poter combattere efficacemente l'errore professionale, ma di certo è necessario partire da un diverso concetto di responsabilità, abbandonando l'ormai anacronistica “caccia al colpevole” e spostando l'attenzione verso efficaci barriere di protezione da fornire al Sistema.
Gli Uffici di Risk Management, gli infermieri legali e forensi, l'Audit Clinico, rappresentano concreti esempi di professionalità e strumenti da poter mettere in campo in modo efficace, una vera sfida per la nuova sanità italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Mondi che si incontrano Vi è oggi una crescente attenzione circa l’errore professionale in campo sanitario, tanto da averlo fatto divenire interessante oggetto di studio. Il fenomeno delle denunce per i cosiddetti casi di “malpractice” (e conseguenti richieste di risarcimento) è oggi talmente vasto da aver pesantemente condizionato l’operato delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere, degli operatori del settore, perfino i recenti Piani Sanitari Nazionali si sono dovuti preoccupare di tale eventualità. Tutto ciò, evidentemente, perché i costi umani ed economici derivanti da eventi avversi in sanità sono divenuti di notevolissima importanza. In Italia, sino a pochi anni fa, la casistica riguardante azioni penali o civili per responsabilità professionale era, dal punto di vista prettamente quantitativo, del tutto sporadica. E' dalla metà degli anni ’80 in poi che tutto cambia e le denunce da parte degli utenti aumentano vorticosamente. Ma in sostanza, cos'è cambiato in modo quasi repentino ? E’ cambiata la società, la coscienza dell’utente circa i propri diritti sanitari, la conoscenza del decorso delle malattie e delle possibili strategie di cura. Oggi siamo letteralmente bombardati da continue notizie di nuove scoperte scientifiche in campo medico e farmacologico, nuove tecnologie vengono utilizzate in campo biomedico e tutto ciò produce nell'individuo una sensazione di maggior sicurezza. Di contro, però, il fenomeno ha anche prodotto l’effetto di far divenire l’errore sanitario assolutamente insopportabile e da ricomprendere nell’odiosa definizione di “malasanità”. Nella concezione moderna medici, farmacisti ed infermieri non possono commettere errori: la nostra società giudica l'errore sanitario come colpa

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Michele Bellaveglia Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6174 click dal 16/03/2011.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.