Skip to content

La figura del direttore di gara di calcio a undici tra segni verbali e non verbali

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Giudetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Julia Ponzio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Sono del parere che oggi il calcio, nel nostro paese, sia uno dei temi pervasivi del discorso sociale. Per settimane intere l’attenzione degli addetti ai lavori, del tifoso o del semplice spettatore è concentrata sulle squadre, le partite, i risultati.
Si entra in contatto con nozioni calcistiche che il più delle volte si conoscono ormai a memoria divenendo cultori di una disciplina tra le più praticate in Italia, ma spesso proprio di queste cognizioni se ne ignorano le loro derivazioni.
Quanti arbitri, ad esempio, sanno realmente che tipo di linguaggio vanno ad adottare, sui campi di gioco, al fine di applicare il regolamento del calcio?
Sono esperti di aspetti tecnici, hanno grande esperienza maturata da anni di attività, ma penso facciano fatica ad immaginare ciò che li mette in relazione con i calciatori e con tutti coloro che prendono parte ad una gara di calcio.
L’arbitro opera nel suo campo mettendo in atto dei processi semiotici, ossia dei processi in cui avvengono trasmissioni e ricezioni di segni. Questi processi possono venire studiati attraverso la semiotica, che è “la disciplina che si occupa dei segni, del senso e della comunicazione”. Questa è divisa fra la vocazione ad essere filosofia del segno, del senso e della comunicazione e l’ambizione di essere una delle scienze umane in stretto rapporto con tutte le altre teorie scientifiche, sociologiche, psicologiche che si occupano della comunicazione.
La pratica calcistica trasuda di simboli, segni e linguaggi che vengono moderati proprio dalle “giacchette nere”; tutto questo è un processo che si svolge nel tempo, spesso preparato a lungo, minuziosamente e con un carattere fortemente ripetitivo.
Vi è dapprima uno studio, un allenamento, una premessa all’attività sportiva, essenziale sul piano pratico e poi la gara vera e propria.
Lo sguardo semiotico si immette in una pratica organizzata, regolata, fissata che i partecipanti vedono come un testo.
L’arbitro non comunica solo attraverso le parole, ma anche attraverso alcuni movimenti del corpo; d'altronde se queste non fossero accompagnate dalle espressioni facciali e dai gesti, risulterebbero molto meno comprensibili e significative.
I testi visivi del direttore di gara, denominati idioletti, possono assumere varie funzioni e capirli da parte di chi prende parte alla gara è una sfida importante. La capacità delle immagini di comunicare va pensata sulla base di codici, tanti quanti sono i modi di rappresentare la stessa decisione a voce. Questi sono anche interfacce, devono cioè riuscire a comunicare la loro funzione anche a chi non vi è perfettamente abituato come il pubblico ed è per questo che fondamentale diventa anche il concetto di estetica dell’arbitro.
La valutazione estetica è connessa con la differenza tra la conoscenza di un gesto in generale e il modo di apparizione dello stesso.
Il gesto estetico non è solo modalità di presentazione all’esterno e differente relazione tra chi vi assiste, ma qualità dell’apparizione, grado di chiarezza, di immediatezza.
L’estetica non è individuale, deve essere quanto più uniforme possibile, indipendentemente da chi sia l’arbitro o da che gara si vada a disputare, e quando si esterna non si fa altro che rendere pertinenti i modi di apparizione dei gesti.
A partire da queste premesse analizzeremo una figura-chiave del calcio, quella dell’arbitro nell’ambito della comunicazione in chiave semiotica:

Sull’arbitro la regola 5 del Regolamento del Gioco del Calcio afferma:
"Ogni gara si disputa sotto il controllo di un arbitro, al quale è conferita tutta l’autorità necessaria per far osservare le Regole del Gioco nell’ambito della gara che è chiamato a dirigere".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Sono del parere che oggi il calcio, nel nostro paese, sia uno dei temi pervasivi del discorso sociale. Per settimane intere l’attenzione degli addetti ai lavori, del tifoso o del semplice spettatore è concentrata sulle squadre, le partite, i risultati. Si entra in contatto con nozioni calcistiche che il piø delle volte si conoscono ormai a memoria divenendo cultori di una disciplina tra le piø praticate in Italia, ma spesso proprio di queste cognizioni se ne ignorano le loro derivazioni. Quanti arbitri, ad esempio, sanno realmente che tipo di linguaggio vanno ad adottare, sui campi di gioco, al fine di applicare il regolamento del calcio? Sono esperti di aspetti tecnici, hanno grande esperienza maturata da anni di attività, ma penso facciano fatica ad immaginare ciò che li mette in relazione con i calciatori e con tutti coloro che prendono parte ad una gara di calcio. L’arbitro opera nel suo campo mettendo in atto dei processi semiotici, ossia dei processi in cui avvengono trasmissioni e ricezioni di segni. Questi processi possono venire studiati attraverso la semiotica, che è “la disciplina che si occupa dei segni, del senso e della comunicazione” 1 . Questa è divisa fra la vocazione ad essere filosofia del segno, del senso e della comunicazione e l’ambizione di essere una delle scienze umane 1 U. Volli, Manuale di semiotica, Editori Laterza, Roma - Bari, 2010, p. IX.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi