Skip to content

Street Fashion

Informazioni tesi

  Autore: José Manuel Bianchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della moda e del costume
  Relatore: Giuseppe Meledandri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Il fenomeno dello street fashion, non è un evento recente, come potrebbero pensare molti estranei alla materia, esso ha avuto il suo avvio negli anni ’70 fino a giungere ai giorni nostri, tanto da influenzare molti stilisti. Furono proprio i più giovani tra artisti e ribelli nati nelle strade che dettero linfa vitale all’haute couture (alta moda) e al prêt-à-porter, tra gli innumerevoli stilisti ricordiamo, Cardin, Courrèges,Fiorucci, Yves Saint Laurent, McLaren/Westwood, solo per citarne alcuni. Attualmente è sbagliato parlare di un’unica moda, perché come ha dichiarato il noto sociologo Zygmunt Bauman, la nostra società è di tipo liquida, in cui tutto è mischiato e le visioni sono molteplici creando delle isole ognuna con una moda e un pensiero differente. Generando un doppio gioco come affermava un altro famoso sociologo Simmel, di imitazione, in cui l’individuo copia lo stile di un determinato gruppo per poterne fare parte, creando una sensazione di accettazione e protezione da parte del "branco". E dall’altro lato, di differenziazione, in cui l’individuo si distingue dagli altri gruppi affermando la sua appartenenza al branco. Proprio da questo fenomeno nascono le mode alcune sono passeggere, virulenza, altre invece sono destinate a segnare intere generazioni come le subculture giovanili (Hippie, Punk, Glam…). In queste pagine andremo ad analizzare come si sono formate le mode di strada e tutti i protagonisti e le nuove professioni che hanno gravitato intorno ad esse. La scelta delle righe come copertina della tesi non è un caso, da sempre sono state il segno distintivo delle classi inferiori, per poi essere introdotte nella moda...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Street fashion Introduzione Il fenomeno dello street fashion, non è un evento recente, come potrebbero pensare molti estranei alla materia, esso ha avuto il suo avvio negli anni ‟70 fino a giungere ai giorni nostri, tanto da influenzare molti stilisti. Furono proprio i più giovani tra artisti e ribelli nati nelle strade che dettero linfa vitale all‟haute couture ( alta moda ) e al prêt-à-porter 1 , tra gli innumerevoli stilisti ricordiamo, Cardin, Courrèges,Fiorucci, Yves Saint Laurent, McLaren/Westwood, solo per citarne alcuni. Attualmente è sbagliato parlare di un‟unica moda, perché come ha dichiarato il noto sociologo Zygmunt Bauman 2 , la nostra società è di tipo liquida, in cui tutto è mischiato e le visioni sono molteplici creando delle isole ognuna con una moda e un pensiero differente. Generando un doppio gioco come affermava un altro famoso sociologo Simmel 3 , di imitazione, in cui l‟ individuo copia lo stile di un determinato gruppo per poterne fare parte, creando una sensazione di accettazione e protezione da parte del” branco”. E dall‟altro lato, di differenziazione, in cui l‟individuo si distingue dagli altri gruppi affermando la sua appartenenza al branco. Proprio da questo fenomeno nascono le mode alcune sono passeggere, virulenza 4 , altre invece sono destinate a segnare intere generazioni come le subculture giovanili 5 ( Hippie, Punk, Glam…). In queste pagine andremo ad analizzare come si sono formate le mode di strada e tutti i protagonisti e le nuove professioni che hanno gravitato intorno ad esse. La scelta delle righe come copertina della tesi non è un caso, da sempre sono state il segno distintivo delle classi inferiori, per poi essere introdotte nella moda. Le righe sono ambigue, confondono, distorcono la realtà creando insicurezza proprio come fa il diavolo; da quel momento le righe e le persone che le indossano sono perseguitati dalla chiesa, diventando legge nel XIII secolo. La stoffa incriminata verrà imposta a giocolieri, zingari, prostitute (calze ), malati, boia e buffoni; nel XVI secolo il tessuto veste le classi inferiori e i mestieri umili ( camerieri e domestici ). Nel 1776 gli Stati Uniti scelgono come vessillo una bandiera a strisce, per non deludere gli alleati d‟Oltreoceano, i rivoluzionari francesi adotteranno il tessuto a righe per vestirsi. Da questo periodo c‟è una vera esplosione delle righe 1 termine nato con l’industrializzazione della moda, intorno agli anni Settanta, sono seconde linee create dagli stilisti letteralmente significa “pronto da indossare”. 2 sociologo e filosofo polacco di origini ebraico-polacche. Noto per i suoi studi focalizzati sulla natura della modernità. 3 Sociologo e filosofo tedesco, noto per i suoi studi sulla società e la globalizzazione. Tra i suoi innumerevoli libri ha scritto “la Moda”. 4 Con il termine Virulenza, si intende nella moda, un fenomeno che parte da un epicentro e si trasmette in maniera veloce, ma scompare anche velocemente “mode passeggere”. 5 Sono movimenti di protesta giovanili, contro la società in cui si trovano, che per una ragione o l’altra non accettano si sviluppano intorno agli inizi del XX secolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

beatnik
glam
mod
alta moda
street fashion
stile
urban style
fashion guru
hip hop
fashion blogs
cool hunter
future concept lab
style
zootie
reggare
sottoculture giovanili
punk
bric
rock'n'roll
hippie
moda
rasta
skinhead
teddy boy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi