Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Posizionamento Strategico del Sistema-Moda Italia ''Made in Italy'' nel Mercato Globale

Ho iniziato il mio studio con un pensiero : CREDO FERMAMENTE NEL MADE IN ITALY come punto di forza del nostro paese : nella qualità, nella creatività e nella bravura degli artigiani italiani, oltre che nell'etica delle imprese.
Scopo del lavoro é di individuare quali sono le strategie attualmente indispensabili affinché il sistema-moda “Made in Italy”, possa affrontare questo profondo cambiamento del sistema economico mondiale e riuscire così a riposizionarsi nel mercato globale.
Per tali ragioni mi è sembrato interessante proporre l’esperienza dell’impresa di cashmere di BRUNELLO CUCINELLI, un’azienda Italiana leader nel settore, che può presentare un modello di successo per le altre imprese italiane.
Altri grandi marchi italiani, invece di puntare sulla nostra ricchezza, credono di poter contrastare la crisi producendo all'estero, o in Italia ma da mani inesperte: si sbagliano.

Mostra/Nascondi contenuto.
35 rilievo, in quanto il touch ha ancora, in questo campo, un’importanza notevole e solo il 2% dei siti web operante nei beni di lusso vende in Rete, mentre il restante 98% si occupa della comunicazione del brand (17). 1.11) Globalizzazione: ricerca di nuove sfide per la competitività del “Made in Italy” É facilmente intuibile come la globalizzazione abbia radicalmente cambiato lo scenario competitivo del sistema- moda Italia, creando notevoli difficoltà sulle capacità di esportazione dell'industria moda. Sono emersi in tal modo imprese leader spesso a scapito delle piccole medie imprese e grandi gruppi del lusso, presenti nella finanza internazionale, che hanno creato nuovi modelli di corporate governance. Questi ultimi sono riusciti a mettere in atto strategie di brand extension, che hanno usufruito di una decentralizzazione della produzione coniugando piattaforme produttive nazionali a reti cognitive trans-nazionali. Sono riuscite altresì ad avvalersi di nuove fonti di vantaggio competitivo come una produzione artigianale, ma organizzata secondo uno schema industriale, con un marchio ben riconoscibile, impiegando bene i canali della comunicazione e controllando direttamente i canali della distribuzione mediante flagship stores, o negozi monomarca o reti di franchising. In ultima analisi il dibattito del locale versus globale è

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Scarlata Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10288 click dal 27/05/2011.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.