Skip to content

La Guardia Nazionale a Catania nel 1848-49 attraverso la lettura di alcuni documenti d’Archivio

Informazioni tesi

  Autore: Ramona Rizza
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature moderne euroamericane
  Relatore: Luciano Granozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

Con il presente lavoro mi propongo di analizzare l’istituzione della Guardia Nazionale siciliana ed in particolare quella formata a Catania, tenendo in considerazione gli aspetti legislativi ad essa collegati, le funzioni affidatele e l’importanza assunta durante la rivoluzione del 1848 nel contesto politico e sociale.
La Guardia Nazionale (GN) nasce nel 1789 con la rivoluzione francese per merito della borghesia locale che in quel momento di difficoltà ritenne necessario armare i propri cittadini per difendersi dagli eserciti nemici e dalla criminalità che minacciava la proprietà privata. Generalmente l’idea di GN è associata alla borghesia proprio per lo stretto legame che si costituì alla sua formazione, ma nel corso della sua storia si è trasformata «da baluardo della conservazione politica e delle classi possidenti a strumento della mobilitazione sociale e patriottica» . [...]
L’importanza della GN si fa sentire nei momenti di maggiore crisi sociale perché sancisce la costituzione del nuovo sistema politico voluto dalla classe dirigente prevalente. Con la normalizzazione dello stato di emergenza perde però la sua autorità e viene sostituita da forze armate più competenti. Dobbiamo anche ricordare che l’organizzazione della GN avvenne solitamente in uno spazio di tempo relativamente breve proprio per sopperire alle necessità del momento, in Francia come in Italia. Questo aspetto spiega il motivo per cui le leggi sulla GN si rivelarono spesso inadeguate nel fissare le norme che dovevano regolarne l’intero sistema. L’Italia si servì ancora del modello francese per la formulazione della Legge sulla Guardia Nazionale del 4 marzo 1848 ricalcata sulla legge emanata da Luigi Filippo d’Orléans il 22 marzo 1831 . Tra i principi fondamentali stabiliti dal decreto c’erano quelli che fissavano i compiti per la GN: difendere la Monarchia, mantenere l’obbedienza alle leggi, l’ordine e la sicurezza pubblica, senza intromettersi nelle questioni dello Stato e rimanendo sottomesse all’autorità comunale .
In Sicilia la GN mostrò invece una notevole autonomia rispetto ad un potere centrale che stentava a consolidarsi. Dopo gli scontri che avevano portato all’indipendenza dell’isola fu creata a Palermo una GN con lo scopo di supportare le 'squadre', i primi gruppi di cittadini che si erano battuti per cacciare dalla città l’esercito borbonico. Ben presto le due forze armate entrarono in conflitto per il dominio del potere militare creando maggiori disordini e sviluppando una vera e propria lotta tra fazioni contrapposte . Secondo Pasquale Calvi i dissensi tra i due corpi erano inevitabili a causa delle «arroganti pretensioni di superiorità della guardia, e per la riluttanza delle forze assoldate, che credeano vincerla per servigi fatti alla rivoluzione, e per coraggio» . Il parlamento decise di risolvere la questione sciogliendo le squadre e lasciando alla sola GN il controllo delle piazze. Vedremo nel primo capitolo la testimonianza di Vincenzo Fardella di Torrearsa che ribadì più volte come la GN tendesse ad emanciparsi d’ogni ingerenza governativa .
Lo Statuto del 10 luglio rafforzava l’egemonia della milizia stabilendo che la Guardia Nazionale non potrà essere giammai disciolta né sospesa dal potere esecutivo e che tutte le altre truppe le fossero sottomesse. Oltretutto, la GN siciliana si impegnò attivamente nella vita parlamentare e nelle decisioni politiche delle amministrazioni comunali, contrariamente a quanto prevedeva la legge piemontese. Nella provincia di Catania, ad esempio, il Comandante della GN Agatino Biscari riporta nei suoi registri di protocollo un episodio in cui i componenti della GN di Trecastagni volevano intervenire nell’elezione dei consiglieri municipali e ne furono impediti . Il fatto in sé ci conferma la notevole influenza guadagnata dalla GN negli aspetti governativi e fa notare come nei piccoli centri il suo ruolo fosse ancora più legato al potere esecutivo.
[...]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
15 Capitolo I Cenni sulla rivoluzione siciliana I fatti che nel 1848 sconvolsero l’intera Europa sono strettamente legati alla storia rivoluzionaria della Sicilia ed è per questo che sarà bene inquadrare il contesto storico in cui questi eventi si svilupparono. A questo proposito, non mi propongo di ripercorrere i concitati fatti storici di quell’anno che segnò profondamente l’evoluzione delle coscienze patriottiche sconvolgendo l’ordinamento dei sistemi politici e sociali di diversi paesi, ma di creare una visione più ampia in cui inserire le vicende del ’48 vissute dal popolo siciliano. Inoltre, nell’analizzare la situazione che si venne a creare dopo il 12 gennaio, prenderemo in considerazione oltre le cause sociali della rivolta anche gli aspetti militari che, pur essendo poco conosciuti, sono stati ben analizzati da Luigi Mondini e Antonino Caldarella 1 . Questi due contributi ci serviranno a delineare le caratteristiche e il ruolo della Guardia Nazionale siciliana formata, come vedremo, nei giorni immediatamente successivi la dichiarazione d’indipendenza. 1.1. Aspetti preliminari. L’estensione dei moti del 1848 si può spiegare come una conseguenza diretta di una profonda crisi che aveva alla base dei fattori 1 L. Mondini, Aspetti militari della rivoluzione siciliana, Caldarella A., I compiti della Guardia Nazionale in Sicilia nella rivoluzione del 1848, in Atti del Congresso di Studi Storici sul ’48 siciliano, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, Palermo, 1950.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guaria nazionale
vincenzo fardella
rivoluzione siciliana el 1848
biscari
monarchia borbonica
gurdia cittadina
archivio storico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi