Skip to content

Politiche di genere ed immigrazione: parità e disuguaglianze nel mercato del lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Bianchini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze internazionali e diplomatiche SID
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: David Natali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

Nonostante le donne abbiano ricevuto da tempo il diritto di voto e l’uguaglianza formale, solo recentemente gli obbiettivi di “parità” e “pari opportunità” (e le parole stesse che usiamo per riferirci a tali concetti) sono entrati a far parte del discorso politico italiano ed europeo. Divenuto ormai parte dell’agenda politica europea e nazionale, ad esso è stato riconosciuto il carattere multidimensionale, ampliando gli ambiti della sua applicazione. Uno di questi, è il settore del mercato del lavoro, dove per un numero crescente di donne, dal dopoguerra in avanti, si sono aperte condizioni e opportunità che mai prima si erano date. Da allora il tema dell’occupazione femminile con tutte le problematiche correlate, come la divisione di genere del tempo di lavoro e di cura, le trasformazioni della struttura familiare e l’adeguamento dei diversi regimi di welfare, è divenuto un tema sempre più centrale nelle politiche del lavoro degli stati europei. Esse dovrebbero aver acquisito una “prospettiva di genere” e favorire l’occupazione femminile, riducendo i fattori che discriminano l’entrata e la permanenza delle donne nel mercato del lavoro. Inoltre, se l’ingresso delle donne nella sfera pubblica come lavoratrici ha determinato cambiamenti nella società e nel mercato del lavoro, possiamo notare che recentemente questi due ambiti sono stati interessati dall’entrata sempre più consistente di donne straniere, le quali arrivano nei paesi occidentali soprattutto per motivi occupazionali. Perciò, esse costituiscono (o dovrebbero costituire), un’ulteriore sfida per lo Stato sociale, che dovrebbe provvedere all’applicazione del concetto di parità di genere nel mercato del lavoro anche per loro. Tale aspetto ci appare di particolare importanza, perché nonostante l’ampia presenza femminile nei flussi migratori, ci si continua ad approcciare al tema dell’immigrazione sia dal punto di vista politico che da buona parte della letteratura, senza un’adeguata prospettiva di genere. Questo saggio vuole dunque affrontare il tema delle pari opportunità nell’ambito specifico del lavoro, secondo questi due punti di vista, quello delle donne e quello delle immigrate, tramite un’analisi comparata di alcuni paesi europei, ed in particolare del caso italiano, i quali rappresentano la meta di molteplici progetti migratori al femminile. Il quesito principale a cui ci proponiamo di rispondere, è cosa determini la condizione femminile e quella delle lavoratrici immigrate nel mercato del lavoro di undici paesi europei. Tali paesi sono stati scelti in base alla classificazione del loro modello sociale secondo una prospettiva di genere, coerentemente con l’ipotesi formulata in questo lavoro, la quale assume che la condizione delle donne e quella delle immigrate sia determinata dal modello di welfare prevalente in questi paesi. Per rispondere al quesito di ricerca sopra citato e verificare la nostra ipotesi, abbiamo diviso l’analisi in tre parti. Nella prima illustriamo i temi oggetto di analisi, dando una definizione dei concetti e degli strumenti utilizzati. Nella seconda invece, indaghiamo il difficile rapporto che le donne hanno con il mercato del lavoro avvalendoci di dati recenti, grazie ai quali constateremo se esse beneficino effettivamente delle condizioni di parità promesse loro “sulla carta”. Ci chiederemo inoltre, se tali condizioni valgano poi per tutte, rispondendo con dati riguardanti le immigrate a come il mercato del lavoro reagisca alla progressiva “etnicizzazione” delle nostre società e quale trattamento, di apertura o di discriminazione, riservi alle immigrate. Infine, osserveremo il modo in cui i diversi modelli di Stato sociale presenti in Europa hanno reagito all’inclusione delle donne nel mercato del lavoro e all’integrazione delle lavoratrici immigrate, chiedendoci quali schemi influenzano le politiche del lavoro, le politiche di genere e le politiche migratorie nei diversi paesi europei e in Italia. L’ultima parte conterrà le conclusioni della nostra ricerca, tramite l’interpretazione dei dati osservati e il loro confronto con la modellistica dei gender regimes, permettendoci così di verificare la nostra ipotesi e si farà anche un breve cenno sul ruolo dell’Unione Europea nell’influenzare le politiche nazionali sul tema della parità di genere e dell’immigrazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Nonostante le donne abbiano ricevuto da tempo il diritto di voto e l‟uguaglianza formale, solo recentemente gli obbiettivi di “parità” e “pari opportunità” (e le parole stesse che usiamo per riferirci a tali concetti) sono entrati a far parte del discorso politico italiano ed europeo. Divenuto ormai parte dell‟agenda politica europea e nazionale, ad esso è stato riconosciuto il carattere multidimensionale, ampliando gli ambiti della sua applicazione. Uno di questi, è il settore del mercato del lavoro, dove per un numero crescente di donne, dal dopoguerra in avanti, si sono aperte condizioni e opportunità che mai prima si erano date. Da allora il tema dell‟occupazione femminile con tutte le problematiche correlate, come la divisione di genere del tempo di lavoro e di cura, le trasformazioni della struttura familiare e l‟adeguamento dei diversi regimi di welfare, è divenuto un tema sempre più centrale nelle politiche del lavoro degli stati europei. Esse dovrebbero aver acquisito una “prospettiva di genere” e favorire l‟occupazione femminile, riducendo i fattori che discriminano l‟entrata e la permanenza delle donne nel mercato del lavoro. Inoltre, se l‟ingresso delle donne nella sfera pubblica come lavoratrici ha determinato cambiamenti nella società e nel mercato del lavoro, possiamo notare che recentemente questi due ambiti sono stati interessati dall‟entrata sempre più consistente di donne straniere, le quali arrivano nei paesi occidentali soprattutto per motivi occupazionali. Perciò, esse costituiscono (o dovrebbero costituire), un‟ulteriore sfida per lo Stato sociale, che dovrebbe provvedere all‟applicazione del concetto di parità di genere nel mercato del lavoro anche per loro. Tale aspetto ci appare di particolare importanza, perché nonostante l‟ampia presenza femminile nei flussi migratori, ci si continua ad approcciare al tema dell‟immigrazione sia dal punto di vista politico che da buona parte della letteratura, senza un‟adeguata prospettiva di genere. Questo saggio vuole dunque affrontare il tema delle pari opportunità nell‟ambito specifico del lavoro, secondo questi due punti di vista, quello delle donne e quello delle immigrate, tramite un‟analisi comparata di alcuni paesi europei, ed in particolare del caso italiano, i quali rappresentano la meta di molteplici progetti migratori al femminile. Il quesito principale a cui ci proponiamo di rispondere, è cosa determini la condizione femminile e quella delle lavoratrici immigrate nel mercato del lavoro di undici paesi europei. Tali paesi sono stati scelti in base alla classificazione del loro modello sociale secondo una prospettiva di genere, coerentemente con l‟ipotesi formulata in questo lavoro, la quale assume che la condizione delle donne e quella delle immigrate sia determinata dal modello di welfare prevalente in questi paesi. Per rispondere al quesito di ricerca sopra citato e verificare la nostra ipotesi, abbiamo diviso l‟analisi in tre parti. Nella prima illustriamo i

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi