Skip to content

Problem-based learning online: aspetti teorici e modelli applicativi

Informazioni tesi

  Autore: Margherita Medusa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Formatore Multimediale
  Relatore: Maria Ranieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

Con lo sviluppo della formazione a distanza (FaD) di terza generazione si è assistito alla diffusione di nuovi scenari educativi che riescono a rispondere alla profonda trasformazione degli ultimi decenni che riguarda il campo della formazione. La quasi totalità degli studenti cerca nei corsi di formazione delle precise caratteristiche, come la personalizzazione e la diversificazione; l'aspettativa comune è quindi quella di studiare in un ambiente di apprendimento che risponda alle proprie esigenze specifiche.
Il successo della FaD, tra le altre cose, è dovuto proprio alla sua malleabilità, alla sua capacità di poter essere adattato a qualsiasi bisogno grazie alla mancanza di vincoli spazio temporali che invece caratterizzano la formazione in presenza. Tutto ciò non significa che lo studente è isolato durante il processo di apprendimento, al contrario l'e-learning permette interessanti forme di collaborazione.
L'apprendimento collaborativo affonda le sue radici nei modelli pedagogici e nella tradizione attivistica dei primi decenni del '900 ed è alla fine degli anni '80 che si instaura un forte legame tra questo concetto e le tecnologie dell'informazione e della comunicazione che, con la diffusione di Internet, consente lo sviluppo di nuovi settori di ricerca tecnologica. Uno di questi è il Computer Supported Collaborative Learning (CSCL), un filone di ricerca tecnologica che ha l'obiettivo di promuovere l'apprendimento collaborativo. Esso in particolare si propone di indagare come l'apprendimento supportato dalla tecnologia possa migliorare il lavoro di gruppo, l'interazione tra pari e la condivisione di conoscenze
Una delle metodologie didattiche che rende possibile l'apprendimento collaborativo è il Problem-based learning, nato nella formazione faccia a faccia ma che ha trovato sviluppo nel mondo virtuale.
Con la mia tesi, partendo dalle origini teoriche su cui si basa tale metodologia e proseguendo con l'illustrazione delle sue caratteristiche, mi ripropongo di illustrare come esso, nonostante sia basato sul lavoro di gruppo e sull'interazione tra i membri, possa trovare applicazione nella formazione in rete.
Il primo capitolo illustra le teorie che sono alla base del PBL. Partirò quindi da Dewey e dalle sue idee di rendere lo studente attivo nel processo di apprendimento, di favorire la collaborazione tra allievi e di promuovere un apprendimento del tipo “learning by doing”. Il secondo autore che presenterò è Bruner, il quale ha recuperato il concetto gestaltico di Insight e si è soffermato sull'apprendimento per scoperta e sulla collaborazione. Infine Jonassen, psicologo dell'educazione contemporaneo, che nei suoi studi ha approfondito l'efficacia del problem-solving.
Nel secondo capitolo è descritta la metodologia del PBL; spiegherò dapprima quali caratteristiche deve possedere un problema per poter essere utile ai fini del PBL e come devono essere organizzate le attività per rendere efficace tale approccio.
Infine, nel terzo capitolo, è evidenziato come il PBL può essere applicato in ambienti di formazione a distanza e quindi quali caratteristiche devono essere rispettate per garantire una buona collaborazione tra gli studenti.
Il lavoro si conclude con la presentazione di alcuni casi concreti di Problem-Based Learning online, ricavati attraverso l'analisi di alcuni siti internet accreditati sul tema del PBL.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione «Siamo continuamente messi di fronte ad una serie di grandi opportunità perfettamente travestite da problemi insolubili.» John W. Gardner Con lo sviluppo della formazione a distanza (FaD) di terza generazio- ne si è assistito alla diffusione di nuovi scenari educativi che riescono a ri- spondere alla profonda trasformazione degli ultimi decenni che riguarda il campo della formazione. La quasi totalità degli studenti cerca nei corsi di formazione delle precise caratteristiche, come la personalizzazione e la di- versificazione; l'aspettativa comune è quindi quella di studiare in un am- biente di apprendimento che risponda alle proprie esigenze specifiche. Il successo della FaD, tra le altre cose, è dovuto proprio alla sua mal- leabilità, alla sua capacità di poter essere adattato a qualsiasi bisogno grazie alla mancanza di vincoli spazio temporali che invece caratterizzano la for- mazione in presenza. Tutto ciò non significa che lo studente è isolato duran- te il processo di apprendimento, al contrario l'e-learning permette interes- santi forme di collaborazione. L'apprendimento collaborativo affonda le sue radici nei modelli peda- gogici e nella tradizione attivistica dei primi decenni del '900 ed è alla fine degli anni '80 che si instaura un forte legame tra questo concetto e le tecno- 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi