Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Ruolo del Fiduciary Management nel Processo di Gestione Finanziaria

L'obiettivo del presente lavoro è quello di fornire un quadro completo sul funzionamento del Fiduciary Management per comprendere meglio i vantaggi che ne derivano dalla sua adozione. Nell'attuale scenario competitivo, come è stato evidenziato nel corso del presente lavoro, la gestione finanziaria ed in particolare il risk management assumono un'importanza significativa anche con riferimento al processo più generale di governo e direzione delle imprese. Il ruolo dei mercati e dei cosiddetti investitori istituzionali ha assunto un peso più rilevante anche per il sistema delle piccole medie imprese che, sempre di più, sta attraversando un periodo caratterizzato dall'evoluzione della gestione degli investimenti nel capitale di rischio. Quest'analisi sul ruolo del Fiduciary Management non vuole essere un punto di arrivo, bensì un punto di partenza, uno spunto per approfondire lo studio di questo nuovo approccio e diffondere una cultura volta all'introduzione delle best practices nell'ambito della gestione finanziaria dei fondi pensione. Siccome siamo studiosi di Corporate Finance, il Fiduciary Management in questo lavoro rappresenta un ulteriore gradino nella scala di gestione del rischio, ritenuto un aspetto importante per la creazione di valore per un'impresa, e cioè l'obiettivo fondamentale della Finanza Aziendale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il Ruolo del Fiduciary Management nel Processo di Gestione Finanziaria _______________________________________________________________________________ ___ 5 INTRODUZIONE Negli ultimi anni lo scenario economico-finanziario si è evoluto ma in realtà non sono cambiati i fondamentali della Finanza Aziendale. La globalizzazione dei mercati finanziari ha eliminato i confini all‘interno del mercato dei capitali e ha determinato una forte concorrenza fra diversi Paesi. L‘intervento attivo degli investitori istituzionali è diventato lo strumento principale che il nuovo capitalismo ha sollecitato ed ottenuto per garantirsi un ulteriore sviluppo ed è anche uno dei punti cruciali delle riforme in materia di Corporate Finance. Il termine anglosassone Corporate Finance potrebbe far credere che questa disciplina riguardi solo le grandi aziende quotate in borsa e non le imprese di minori dimensioni e quelle non quotate. Al contrario, i principi base della Finanza Aziendale valgono sia per le prime che per seconde. Infatti il ruolo dei mercati e dei cosiddetti investitori istituzionali ha assunto un peso più rilevante anche per il sistema delle piccole medie imprese che, sempre di più, sta attraversando un periodo caratterizzato dall‘evoluzione della gestione degli investimenti nel capitale di rischio. Per comprendere le azioni che le aziende e i responsabili della Corporate Finance possono intraprendere per migliorare la gestione, dobbiamo indagare sul processo di gestione del rischio degli investitori istituzionali; il risk management si occupa della gestione del rischio e di come l‘impresa possa nel campo della finanza trovare degli elementi di equilibrio. Inoltre analizzeremo il ruolo del mercato finanziario, luogo in cui le imprese raccolgono capitali, a seguito del cui comportamento riscontriamo la presenza di private equity, investitori istituzionali e altri nuovi soggetti che immettono liquidità nel sistema. Per tutti questi motivi e con riferimento a questi temi, abbiamo scoperto che esiste una tecnica di management chiamata Fiduciary Management che può essere considerata come un‘innovazione finanziaria di processo che offre da una parte una crescente opportunità di vantaggio competitivo, e dall‘altra impone costanti

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Stefania Ravotti Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1068 click dal 19/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.