Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Monitoraggio dell’accessibilità dei siti della Regione Emilia-Romagna

L’obiettivo di questa tesi è l’esecuzione di un’analisi statistica del livello di accessibilità raggiunto dai siti di competenza della Regione attraverso l’utilizzo del sistema di validazione e monitoraggio dell’accessibilità dei siti Web della Pubblica Amministrazione, denominato VaMoLà, nato dalla collaborazione tra l’Università degli studi di Bologna e la Regione Emilia Romagna.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 3 Introduzione L’obiettivo di questa tesi è l’esecuzione di un’analisi statistica del livello di accessibilità raggiunto dai siti di competenza della Regione attraverso l’utilizzo del sistema di validazione e monitoraggio dell’accessibilità dei siti Web della Pubblica Amministrazione, denominato VaMoLà, nato dalla collaborazione tra l’Università degli studi di Bologna e la Regione Emilia Romagna. L’accessibilità è una proprietà molto importante di un sito Web in quanto, le pagine che vengono create rispettando questo principio, permettono a tutti gli individui di poter fruire dei contenuti di Internet indipendentemente dalle capacità fisiche, psichiche e sensoriali di ognuno e dai dispositivi hardware e software di cui si dispone. Con il rispetto dell’accessibilità si evitano forme di emarginazione sociale e si consente a tutta la collettività di poter partecipare attivamente alla società dell’informazione e di poter lavorare e studiare in piena autonomia ed indipendenza. Garantire l’accessibilità di un sito ha l’obiettivo di evitare discriminazioni nei confronti di alcune categorie di individui dovute a barriere che non consentono loro di fruire dei contenuti del Web. Inoltre, tutta la collettività trae beneficio dal rispetto del principio di accessibilità: sia le persone disabili, sia coloro che con l’avanzare dell’età hanno subito una diminuzione nella capacità di svolgere azioni, sia chi dispone di strumenti con configurazioni particolari e limitate, come ad esempio i palmari. Progettare siti Web accessibili, quindi, è un modo per garantire le pari opportunità e rendere effettivo il principio costituzionale che sancisce l’uguaglianza di tutti i cittadini, senza distinzioni, di fronte alla Legge. Per quanto riguarda la legislazione italiana, il 9 gennaio 2004 è stata emanata la Legge Stanca che si occupa di regolamentare l’accessibilità dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La Legge Italiana definisce i soggetti che devono garantire che i contenuti dei propri siti Web siano accessibili, introduce una serie di 22 Requisiti tecnici da rispettare, al fine di garantire la fruibilità delle informazioni a tutti gli utenti, e fornisce le modalità per la verifica del loro rispetto. Lo scopo di questa tesi è la creazione di un campione statisticamente valido dei siti Web di competenza della Regione Emilia-Romagna e il loro conseguente monitoraggio, al fine di eseguire una serie di analisi statistiche per verificare l’effettivo

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Ilaria Ulivi Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 221 click dal 19/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.