Skip to content

Competenze Infermieristiche nella gestione del paziente colpito da Ictus Cerebrale

Informazioni tesi

  Autore: Ivana Belmonte
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Emilia Guerriero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Lo stroke è una patologia che negli ultimi anni sta suscitando particolare attenzione, sia per l'impatto psico-fisico devastante che i sopravvisuti presentano, sia per gli elevati costi sanitari (come ospedalizzazioni prolungate), sia in termini psico-sociali (perdita del proprio lavoro, della propria libertà e vissuto di perdita della dignità personale).
Il trattamento dell'ictus è fortemente condizionato dalla variabile tempo. Infatti le vittime di uno stroke, all'insorgenza dei primi sintomi, devono essere trattate il più presto possibile, per questo motivo è fondamentale essere coscienti, quando si assiste un paziente con ictus, che “tempo è cervello” (Time Equals Brain). Ciò significa che ogni momento perso equivale alla perdita di cellule nervose.
La presente tesi ha l'obiettivo di analizzare e descrivere la figura dell'infermiere e le sue competenze durante la degenza ospedaliera di un paziente colpito da ictus cerebrale.
Per fare ciò, sono stati presi in considerazione le Linee Guida SPREAD (Stroke Prevention And Educational Awareness Diffusion) del 2010 e sono stati consultati testi inerenti all'argomento.
La tesi è articolata in quattro capitoli:
·         Nel primo capitolo vi sono nozioni di anatomia e fisiologia del cervello, che è l'organo colpito dall'episodio ictale, sia esso ischemico o emorragico
·         Nel secondo capitolo vi è la descrizione dell'approccio clinico all'ictus (eziologia,semeiotica, esami di laboratorio e diagnostica per immagini) partendo con la definizione della patologia  
·         Nel terzo capitolo si descrivono gli interventi infermieristici nella gestione del paziente con ictus durante la degenza ospedaliera
·         Nel quarto capitolo si descrivono gli interventi infermieristici per poter prevenire le complicanze che potrebbero insorgere a causa della patologia cerebrovascolare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL CERVELLO 1.1 Anatomia Il cervello è suddiviso in due ampi emisferi cerebrali, formati da uno strato superficiale di sostanza grigia, la corteccia, e da uno strato più profondo di sostanza bianca. La corteccia cerebrale forma una serie di rilievi, o giri, che servono per incrementare la sua superficie. I giri sono separati fra loro da profonde depressioni, chiamate solchi, oppure da solchi più profondi chiamati scissure. I due emisferi, destro e sinistro, sono quasi completamente separati dalla scissura longitudinale e rimangono uniti solo mediante una spessa striscia di sostanza bianca chiamata corpo calloso. Ogni emisfero presenta un solco centrale che lo suddivide in un lobo anteriore, lobo frontale, e in un lobo posteriore, il lobo parietale. Un solco orizzontale, il solco laterale, separa il lobo frontale dal lobo temporale. Il solco parieto-occipitale, posteriormente, separa il lobo parietale dal lobo occipitale. Le regioni della corteccia cerebrale maggiormente coinvolte nel controllo della sensibilità e del movimento sono la corteccia motoria primaria e la corteccia sensitiva primaria. La scissura centrale separa le aree sensitive dalle aree motorie. Il giro precentale del lobo frontale forma la porzione anteriore alla scissura centrale e la sua superficie è rivestita dalla corteccia motoria primaria. I neuroni che appartengono a questa corteccia sono responsabili dei movimenti volntari. Il giro postcentrale del lobo parietale costituisce la porzione posteriore alla scissura centrale e la sua superficie è costituita dalla corteccia sensitiva primaria. I neuroni sensitivi corticali ricevono informazioni provenienti da recettori tattili, pressori, dolorifici, di vibrazione, del gusto o termici. Le sensazioni specifiche, cioè quelle relative alla vista, all'udito, all'odorato e al gusto, arrivano invece ad altre porzioni della corteccia cerebrale. La corteccia visiva si trova nel lobo occipitale, la corteccia uditiva e la corteccia olfattiva risiedono nel lobo temporale, 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi