Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Narrazione

L'intento di questo lavoro è quello di sottolineare il ruolo della narrazione e del modo di organizzare il pensiero narrativo nella vita di ogni individuo, in particolare in quella del bambino. Il lavoro si compone di tre capitoli.
Il primo capitolo introduce gli aspetti di base della narrazione e del pensiero narrativo. Il secondo capitolo è dedicato alla narrazione nei bambini. Il terzo capitolo tratta della forma più antica di racconto: la fiaba.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione L’intento di questo lavoro è quello di sottolineare il ruolo della narrazione e del modo di organizzare il pensiero narrativo nella vita di ogni individuo, in particolare in quella del bambino. Il lavoro si compone di tre capitoli. Il primo capitolo introduce gli aspetti di base della narrazione e del pensiero narrativo, in quanto la narrazione fa parte della vita di ciascuno di noi e compare precocemente nell’esperienza comunicativa del bambino. Il pensiero narrativo può essere compreso piø facilmente se lo si distingue da quello paradigmatico. I due modelli di pensiero sono qualitativamente differenti ma sono entrambi presenti nell’individuo e spesso agiscono in maniera congiunta. Il secondo capitolo è dedicato alla narrazione nei bambini. I bambini sono esposti precocemente al genere narrativo, e si può affermare che la prima forma di conoscenza narrativa del bambino si struttura attraverso gli script. Gli script sono resoconti di azioni regolari quotidiane e sono strutturati in maniera molto semplice. I bambini al di sotto di dieci anni mostrano difficoltà nell’utilizzo di script flessibili e articolati, inoltre sembra che rimangano ancorati alle esperienze personali. I bambini oltre agli script fanno uso di racconti di esperienze personali e di storie di fantasia. Il terzo capitolo tratta della forma piø antica di racconto: la fiaba. Il capitolo introduce le caratteristiche fondamentali della fiaba, quali brevità, presenza di elementi magici, di personaggi buoni e cattivi e non ambigui, quindi della distinzione bene-male, dopodichØ approfondisce il tema sulla narrazione delle fiabe ai bambini. Le fiabe arricchiscono sia esteriormente che interiormente la vita quotidiana del bambino. La fiaba quindi rappresenta uno strumento comunicativo, linguistico e psicologico fondamentale per la crescita del bambino.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Silvia Perseu Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7066 click dal 31/05/2012.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.