Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rete Internet e la teoria della coda lunga: come cambiano i modelli di business delle imprese

Nel lavoro presentato ho condotto un’analisi multidisciplinare dei principali cambiamenti intervenuti nel funzionamento dei mercati di consumo (quindi nella filosofia strategica del marketing aziendale) con l’affermazione di Internet e del Web come piattaforme organizzate per lo scambio, la comunicazione e l’interazione con il mercato nell’ambito dell’universo globalizzato e complesso delle relazioni economiche online.
Dal punto di vista metodologico il mio sforzo si è concentrato in primo luogo su un attento processo di selezione delle idee (alquanto eterogenee) riportate, procedendo alla chiarificazione dei concetti presentati per mezzo della loro traduzione in dati numerici, esempi e schemi teorici di riferimento. In secondo luogo, ho esteso il mio contributo all'obiettivo di riunificazione concettuale dei differenti temi trattati, ponendo l'accento sulle diverse implicazioni logiche e strategiche riscontrabili sul piano economico e imprenditoriale. Tale finalità generale è stata approfondita in sede conclusiva con l'analisi delle strategie economiche di approccio al business implementate, rispettivamente, nell'ambito dei due casi aziendali d’interesse: Netflix, per la distribuzione digitale di DVD e streaming online e, più nel dettaglio, Google, per i servizi di pubblicità online.
L'obiettivo ultimo proposto è però un altro. Partendo dal superamento dell’ipotesi universale di scarsità delle risorse, ho tentato di dimostrare come e perché nell'economia dell'informazione, le logiche del successo aziendale siano andate velocemente evolvendosi verso forme sempre più complesse e imprevedibili.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La storia di Internet è un processo in continua evoluzione che ha avuto inizio nei primi anni Sessanta del Ventesimo secolo, quando fu teorizzata per la prima volta l’Intergalactic Computer Network (1962). Da questo fondamentale input concettuale, il processo di sviluppo della Rete è stato determinato in tutta la sua complessità da un enorme numero di contributi intervenuti in momenti diversi, ma in un certo modo tutti rilevanti e che abbracciano aspetti disciplinari che spaziano dal campo tecnico- informatico a quello economico, fino a includere tutte le scienze del sapere umano. Ciò grazie al lavoro e l’ingegno di una vastissima platea di attori: che siano scienziati, professori o semplici tecnici, tutti loro condividono il ruolo di “utenti-utilizzatori”. Nata per scopi militari e consolidatasi sul campo della ricerca universitaria, la rete Internet si è evoluta sempre più verso un impiego sperimentale e commerciale. Volendo definire la configurazione attuale di Internet in qualche modo, essa può essere in prima analisi presentata come una rete che funge da immenso serbatoio d’informazioni, oltre che da utilissimo mezzo di comunicazione tra le persone. Ciò è giustificato dal fatto che Internet è l’unico vero mezzo di comunicazione interattivo capace di conciliare la presenza capillare sul territorio mondiale e la possibilità per gli utenti di interagire per mezzo di un sistema multimediale flessibile atto a favorire lo scambio rapido e la condivisione d’informazioni in modo semplice e vario, quindi orientato alle richieste dei suoi utenti. Da ciò si evince che ogni manifestazione degli usi e dei costumi delle diverse culture è pertanto riscontrabile sulla Rete, essendo questa per molti versi lo specchio delle attività e delle abitudini della cosiddetta società post-moderna. L’introduzione di Internet nella vita quotidiana degli individui ha comportato notevoli cambiamenti nel modo di comunicare tra le persone, che tendono a confluire in particolar modo nelle diverse tecniche con le quali gli utenti-consumatori s’informano e fanno acquisti. Per motivi di tempo e comodità la Rete assume sempre più rilevanza nelle decisioni di spesa e anche quando la conclusione della transazione non avviene online, il Web fa ormai parte a pieno titolo degli strumenti per la ricerca informativa e l’effettiva formazione delle preferenze. Una gestione organica della relazione virtuale

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Paolo D'Orazio Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2187 click dal 10/04/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.