Skip to content

I covenant nei contratti di finanziamento

Informazioni tesi

  Autore: Maria Pia Peluso
  Tipo: Tesi di Master
Master in Regolazione dell’Attività e dei Mercati Finanziari
Anno: 2011
Docente/Relatore: Francesco Capriglione
Istituito da: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

I covenant sono clausole inserite nei contratti di finanziamento a medio e lungo termine delle grandi società di capitali .
La finalità di tali clausole contrattuali è quella di orientare la gestione societaria, imponendo vincoli di natura finanziaria o legati alle politiche di investimento della società . La violazione di detti vincoli legittima i creditori a porre in essere azioni volte alla salvaguardia dei propri interessi; difatti, le parti contraenti potranno rinegoziare le condizioni del finanziamento o, nei casi più gravi, si procederà alla risoluzione di diritto del contratto.
Tali considerazioni si limitano ad individuare le implicazioni di natura giuridica di dette clausole che si sono sviluppate nella prassi giurisprudenziale nordamericana .
La pratica di tali clausole si è evidenziata nel corso della recente crisi economica. I covenant hanno trovato diffusione anche nel nostro paese, in quanto associati sia a finanziamenti bancari (c.d. loan covenant) sia all'emissione di prestiti obbligazionari (c.d. debt covenant) . Tuttavia, come si evince da un attento esame della prassi di settore , l’utilizzo dei covenant è più frequente nell’ambito dei finanziamenti bancari.
Ciò accade perché la loro efficacia è condizionata dal livello di coordinamento dei detentori del debito e dai conseguenti costi di rinegoziazione in caso di violazione degli stessi. Ed invero, il basso livello di coordinamento degli obbligazionisti comporta ab origine una mancata stipula dei covenant (poiché il costo supererebbe il beneficio soggettivo), oppure un carattere più “tenue” degli stessi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. I covenant. Note introduttive. I covenant 1 sono clausole inserite nei contratti di finanziamento 2 a medio e lungo termine delle grandi società di capitali 3 . La finalità di tali clausole contrattuali è quella di orientare la gestione societaria, imponendo vincoli di natura finanziaria o legati alle politiche di investimento della società 4 . La violazione di detti vincoli legittima i creditori a porre in essere azioni volte alla salvaguardia dei propri interessi; difatti, le parti contraenti potranno rinegoziare le condizioni del finanziamento o, nei casi più gravi, si procederà alla risoluzione di diritto del contratto. 1 Nel linguaggio finanziario i covenant vengono per solito definiti ‹‹restrictions that are put on a borrower by the bank or other entity that granted the loan›› (si v. il Webster's New World Finance and Investment Dictionary, Indianapolis, 2003). 2 Ai fini della presente trattazione come contratto di finanziamento si intende atecnicamente quel genus di contratti la cui causa è connotata dal “trasferimento della proprietà di una determinata quantità di denaro (…) a favore del sovvenuto (...) e dall’obbligazione di costui di restituirne il tantundem”. In dottrina, cfr. LUMINOSO, I contratti tipici e atipici – Contratti di alienazione, di godimento, di credito, vol. I, Milano, 1995, p. 675. 3 Ciò perché la predisposizione di covenant non può che riguardare le grandi imprese. Infatti, solo tali imprese hanno sistemi di rilevazione e controllo che consentono di ottemperare agli obblighi di monitoraggio; e più in generale, solo i finanziamenti di grandi dimensioni sono in grado di “ammortizzare” i costi dell’apparato organizzativo necessario ad assicurare un efficace controllo del rispetto degli impegni assunti. Sotto tale profilo i covenant assolverebbero alla ulteriore funzione di allocare i costi dell’attività di monitoraggio sul finanziato rendendolo nel contempo soggetto attivo e collaboratore del finanziatore. Cfr. BAZZANA, I covenant nei contratti di debito Roma, 2007, p. 60 ss; GIANNELLI, I covenant finanziari ed il finanziamento di gruppo, in Riv. dir. societario, 2009, III, p. 611. 4 Cfr. SCANO, I covenant nei contratti di finanziamento all'impresa:garanzie o strumenti atipici di conservazione della garanzia patrimoniale?, in AA.VV ., Le operazioni di finanziamento alle imprese, Torino, 2010, pp. 86-70. Sul punto anche VELLA, Il nuovo diritto societario e la “governance” bancaria, in Banca imp. soc., 2003, p. 310, ove si afferma che ‹‹la notevole estensione degli strumenti di finanziamento dell’impresa, a sua volta connessa ad una molteplicità e diversificazione dei poteri amministrativi legati alle differenti tipologie di finanziamento, rappresenta una innovazione di grande rilievo››. Sulla base del nuovo diritto delle società, dunque, si riconoscerebbe ‹‹all’imprenditore ed al finanziatore la libertà non solo di individuare le caratteristiche del titolo di finanziamento, ma (…) anche di costruire e modulare il grado di presenza e di voice nel governo societario che quel finanziamento legittima››.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banca
garanzie
agency
direzione e coordinamento
covenant
contratti di finanziamento
amministrazione di fatto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi