Skip to content

Analisi del territorio della Provincia di Fermo per lo sviluppo del turismo culturale

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Bordò
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Management dei beni culturali
  Relatore: Mara Cerquetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

Il presente lavoro muove dall'intento di analizzare criticità e potenzialità del territorio della Provincia di Fermo nell'ottica di uno sviluppo turistico legato al patrimonio culturale locale. Pertanto, prima sono stati presi in esame i mutati paradigmi sia del turismo sia della cultura in relazione al passaggio dall'epoca moderna a quella postmoderna, poi si è fatta una "SWOT analysis" del sistema territoriale – analizzando anche la programmazione turistico-culturale dell'ente Provincia, del Sistema Turistico Locale Marca Fermana e del Gruppo di Azione Locale Fermano –, infine vengono illustrate alcune linee guida che potrebbero trovare un'utile applicazione nel Fermano al fine di implementare forme di sviluppo economico "culture-driven" e di migliorare la qualità dell'offerta ricettiva. Il modello di sviluppo economico fermano e più in generale marchigiano, fondato sulla piccola e micro-impresa manifatturiera, ha subìto un duro colpo dalla globalizzazione dei mercati e dall'acuirsi della crisi internazionale. Si cerca quindi di capire in che modo gli attori pubblici e privati del Fermano possano creare valore per il territorio facendo leva sulle sue risorse distintive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro muove dall'intento di analizzare criticità e potenzialità del territorio fermano nell'ottica di uno sviluppo turistico legato al patrimonio culturale locale. Il modello di sviluppo economico fermano e più in generale marchigiano, fondato sulla piccola e micro-impresa manifatturiera, ha subìto un duro colpo dalla globalizzazione dei mercati e dall'acuirsi della crisi internazionale. Prendendo in considerazione anche le opportunità e le minacce rinvenibili nel contesto esterno (i sovrasistemi Italia, Europa, mondo), si cerca pertanto di capire in che modo gli attori pubblici e privati del Fermano possano creare valore per il territorio facendo leva sulle sue risorse distintive. Paradossalmente si deve proprio alla globalizzazione l'insorgere di una nuova attenzione per il territorio, visto come spazio sia fisico sia relazionale in grado di legare un insieme di realtà e di soggetti uniti da radici e interessi comuni. I beni culturali, il turismo e il territorio hanno solo iniziato un percorso comune che offre l'occasione di esprimere diverse sinergie tramite l'integrazione delle risorse endogene, la costruzione di reti e la connessione tra filiere produttive diverse ma accomunate dalla medesima matrice culturale e territoriale. Parallelamente la domanda turistica, sempre più mossa da un desiderio di conoscenza latamente storica e territorialmente contestualizzata, si indirizza in maniera crescente verso destinazioni cosiddette "minori", alternative a quelle consacrate dal Grand Tour, dimostrando che il vantaggio competitivo italiano consiste non in una maggiore quantità di capolavori artistici, in effetti in nessun modo computabile, bensì nel continuo tessuto territoriale dei fenomeni culturali. Più che dalla tradizionale visita guidata ai luoghi più conosciuti, il turista contemporaneo è attratto da una esplorazione non convenzionale delle realtà periferiche, della conoscenza tacita che vi è maturata nel tempo e dei prodotti attuali nei quali essa è inscritta. Lo stock di capitale culturale materiale e immateriale delle aree periferiche come il Fermano, prive dei grandi attrattori culturali di fama internazionale, necessita tuttavia di un'intensa attività di governo e di gestione per poter assurgere a fattore in grado di generare flussi apprezzabili di visitatori. Al fine di individuare le strategie più idonee al conseguimento di tali obiettivi l'analisi qui svolta è distinta in quattro capitoli. 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia
turismo
musei
patrimonio culturale
beni culturali
sviluppo locale
turismo culturale
territorio
cultura
sviluppo territoriale
swot analysis
museo diffuso
economia delle esperienze
heritage tourism
itinerari culturali
centri minori
destinazioni minori
gestione
reti museali
valorizzazione
stakeholder
autenticità
analisi del territorio
attori locali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi