Skip to content

Santi, fiori e bambocciate. Inventari post mortem e consumo d'arte a Torino nel ventennio 1760-1780

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Panaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Luciano Allegra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

L’intento di stilare una tesi sul consumo d’arte nel Settecento a Torino è maturato in particolare dopo la lettura di tre volumi di Carlo Ginzburg, ovvero Indagini su Piero, incentrato sull’analisi extra-stilistica del Ciclo aretino di Piero della Francesca, Miti, Emblemi, Spie e Il formaggio e i vermi. Ciò che ha attirato la mia attenzione è stato l’approccio utilizzato dall’autore per affrontare le tematiche artistiche, nonché l’utilizzo della ‘lente microstorica’ per sperimentare la possibilità di un ricorso sistematico alle fonti d’archivio che, egli sostiene, sostituiscono un supporto ineludibile anche per la storia dell’arte.
Come ha osservato Goldthwaite, le opere d’arte sono state studiate solo di rado dal punto di vista meramente economico, a prescindere dal loro valore artistico ed estetico.
Questa tesi non intende inserirsi in tale filone di ricerca, caratterizzato dai recenti studi di insigni addetti ai lavori – basti pensare agli studi di Berg, Clifford, Ormrod e Pears sull’Inghilterra, di Cecchini su Venezia, di Comanducci su Firenze e di Sicca sul commercio di opere d’arte tra Italia e Inghilterra – ma aspira a proporsi come un banco di prova per testare le potenzialità di una estensione del metodo storico al campo della critica d’arte.
Questa tesi si è posta il fine di analizzare i caratteri e le tendenze del consumo d’arte a Torino in un periodo limitato e circoscritto, il ventennio 1760-1780, attraverso una sistematica ricerca d’archivio volta a reperire eventuali oggetti di interesse artistico negli universi di beni posseduti da un campione di torinesi del periodo.
Gli inventari post-mortem sono stati utilizzati come fonte d’elezione anche nei recenti studi sulla cultura materiale e il consumo d’arte. Tale tipo di fonte, come hanno sottolineato de Vries e Pinchera, pone anzitutto un problema di carattere economico, legato ai concetti di stock e flow: infatti gli inventari descrivono lo stock in un dato momento, ma non consentono di valutare i flussi.
Di norma gli inventari venivano stilati quando i beneficiari dell’eredità non potevano immediatamente acquisire i beni, ad esempio in caso di minore età o quando erano lontani da casa: in questi casi gli inventari post mortem avevano la finalità di consentire agli eredi di assicurarsi che gli oggetti enumerati non venissero dispersi.
Nel campione analizzato, vi sono però anche due intestatari affetti da malattia mentale, ovvero Cristina Pace e Giovanni Antonio Vittone, fratello del segretario degli archivi di Torino, mentre nei restanti casi la causa dell’inventario non è nota.
Tra i sostenitori dell’uso, nel campo della storia e della storia dell’arte, degli inventari post mortem va citato Olivier Bonfait che, in occasione del suo saggio sul collezionismo bolognese nel XVIII secolo, espresse con toni entusiastici le potenzialità di tale fonte: "l’inventaire après decès est en effet un document remarquable qui offre par son charactère général la possibilité de construire des séries, de repérer les tendances dominantes, d’y distinguer les variantes spécifiques des différents groupes sociaux et les particolarités de chaque individu."
Nella Francia del XVII secolo gli inventari, nell’ambito della produzione notarile, non sono molto diffusi, come ha messo in luce ad esempio l’indagine di Jean Paul Poisson per gli anni 1698-1749: su 2458 inventari, quelli risalenti al 1698 risultano solo ventiquattro, corrispondenti quindi a un esiguo 1%. Il numero di inventari, per contro, sembra che aumenti nella prima metà del Settecento. Spesso, poi, la precisione e l’esattezza delle descrizioni dei beni inventariati e il valore di mercato loro attribuito dipendono dal livello culturale del notaio. Talvolta vi sono inesattezze terminologiche ed errori e i temi iconografici, come sottolinea Annik Pardailhé-Galabrun, sono spesso ignorati dal notaio che si limita ad indicare laconicamente “tableau à personnages ou bien encore tablaeu de dévotion sans autre indications”.
Ne Il popolo di Parigi, Daniel Roche affronta la tematica della cultura materiale delle classi popolari nel periodo che precede la Rivoluzione e per fare ciò si avvale degli inventari dopo decesso. Infatti, come afferma lapidariamente l’autore, “ogni studio che miri a ricostruire un quadro di vita è in primo luogo inventario”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO I IL CONSUMO D’ARTE Scopo principale di questo capitolo è fornire alcuni dati significativi riguardanti il fenomeno collezionistico e ricapitolarne per sommi capi i tratti essenziali a partire dagli albori cinquecenteschi fino ad approdare al Settecento, secolo gravido di testimonianze di questo tipo. L’attenzione sarà appuntata non solo su casi di studio classici, come le collezioni venete, ma anche su raccolte alquanto modeste appartenute a individui di non grande fortuna, con la finalità di proporre dei validi e calzanti termini di paragone. I casi presentati sono stati selezionati nell’intricata congerie bibliografica con un criterio volto a dar rilievo soprattutto alla consistenza numerica delle collezioni e ai soggetti pittorici e, talvolta, ai motivi sottesi alle collezioni. I.1 La svolta rinascimentale Krzysztof Pomian ha osservato che all’origine delle collezioni di artificialia e naturalia, molto diffuse nel Rinascimento, vi sono le suppellettili votive come i tesori accumulati nei templi fin dall’antichità e gli arredi funerari che, alla

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi