Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti e problemi del contatto linguistico nel Nigerian Pidgin English: verso la standardizzazione del Naija

Il presente studio è dedicato alla storia e all’analisi del pidgin nigeriano a base inglese (ossia Nigerian Pidgin English), un pidgin esteso parlato da circa otto milioni di individui come lingua franca e/o come lingua materna e che è divenuto, di recente, tema di dibattito tra i linguisti nigeriani per via della sua creolizzazione in alcune zone della Nigeria, in particolare nello stato di Bendel e a Lagos.
Il primo capitolo è una sorta di introduzione al vero argomento della tesi. Vengono riportati gli studi e i dibattiti sulle teorie di formazione dei pidgin con alcuni esempi dei fenomeni di semplificazione più comuni, per quanto concerne la pidginizzazione. Inoltre vengono descritti i processi di formazione dei creoli riportando alcune teorie di recente enunciazione. Si procede successivamente alla descrizione storica e ad una differenziazione spazio-temporale dei pidgin e creoli a base inglese. Vengono infine elencati i cosiddetti West African Pidgin Englishes, accompagnati da esempi con descrizione di alcuni tratti fonetici e sintattici comuni.
Nel secondo capitolo viene descritta l’attuale situazione sociolinguistica nigeriana: varietà linguistiche più usate, lingue ufficiali e gruppi etnici più influenti. Si passa poi al pidgin nigeriano: le sue origini, il rapporto con altri idiomi diffusi in Nigeria e i domini e i contesti d’uso del pidgin nella realtà comunicativa nigeriana.
Con il terzo capitolo si entra nel fulcro del problema: la trasformazione del pidgin nigeriano in “naija” con spiegazione di questo nuovo fenomeno e il dibattito su una sua possibile standardizzazione. Vengono generalmente spiegati i processi di pianificazione linguistica per poi giungere al language planning in Nigeria. Si considerano le teorie più probabili sull’ortografia da adottare e, in seguito vengono accennate le strutture morfologiche, sintattiche e lessicali del naija per concludere con la formulazione dei pro e dei contro di una resa ufficiale di questa varietà.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente studio è dedicato alla storia e all’analisi del pidgin nigeriano a base inglese (ossia Nigerian Pidgin English), un pidgin esteso parlato da circa otto milioni di individui come lingua franca e/o come lingua materna e che è divenuto, di recente, tema di dibattito tra i linguisti nigeriani per via della sua creolizzazione in alcune zone della Nigeria, in particolare nello stato di Bendel e a Lagos. Il primo capitolo è una sorta di introduzione al vero argomento della tesi. Vengono riportati gli studi e i dibattiti sulle teorie di formazione dei pidgin con alcuni esempi dei fenomeni di semplificazione più comuni, per quanto concerne la pidginizzazione. Inoltre vengono descritti i processi di formazione dei creoli riportando alcune teorie di recente enunciazione. Si procede successivamente alla descrizione storica e ad una differenziazione spazio-temporale dei pidgin e creoli a base inglese. Vengono infine elencati i cosiddetti West African Pidgin Englishes, accompagnati da esempi con descrizione di alcuni tratti fonetici e sintattici comuni. Nel secondo capitolo viene descritta l’attuale situazione sociolinguistica nigeriana: varietà linguistiche più usate, lingue ufficiali e gruppi etnici più influenti. Si passa poi al pidgin nigeriano: le sue origini, il rapporto con altri idiomi diffusi in Nigeria e i domini e i contesti d’uso del pidgin nella realtà comunicativa nigeriana. Con il terzo capitolo si entra nel fulcro del problema: la trasformazione del pidgin nigeriano in “naija” con spiegazione di questo nuovo fenomeno e il dibattito su una sua possibile standardizzazione. Vengono generalmente spiegati i processi di pianificazione linguistica per poi giungere al language planning in Nigeria. Si considerano le teorie più probabili sull’ortografia da adottare e, in seguito vengono accennate le strutture morfologiche, sintattiche e lessicali del naija per concludere con la formulazione dei pro e dei contro di una resa ufficiale di questa varietà. 5

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Yasmine Radjabi Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2226 click dal 10/09/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.