Skip to content

La narrativa di Sebastiano Vassalli. Romanzo storico e romanzo d'invenzione

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Polignano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Silvio Ramat
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

La carriera di Sebastiano Vassalli è lunga oltre quarant'anni e non è ancora finita. Con una scia di carta tanto lunga alle spalle, lo scrittore ha avuto il tempo per alcuni ripensamenti e anche qualche brusca svolta. In particolare, possiamo suddividere il lavoro di questo autore in due grandi fasi con un crocevia agli inizi degli anni Ottanta. Il "prima" è legato allo Sperimentalismo e alla Neoavanguardia, mentre il "dopo" è caratterizzato da un prosa più distesa e dalla presenza di numerosi romanzi storici. La mia tesi si divide in tre sezioni e, pur essendo dedicata in gran parte alla seconda parte della carriera di Vassalli, tenta di dare spazio anche al resto.
La prima sezione, dal titolo Cenni introduttivi, si compone di due capitoli.
Il primo è Indicazioni preliminari; da un lato spiego quali siano le differenze tra il romanzo storico canonico e i libri di Vassalli, dall'altro giustifico la scelta di usare comunque la medesima etichetta. Come aiuto al lettore, in chiusura, c'è anche una bibliografia ragionata delle principali opere dello scrittore.
Il secondo capitolo è L'altro Vassalli; fornisco qui una rapida descrizione delle opere dell'autore che era impossibile rinchiudere nel recinto dei romanzi storici. Ho riunito questi titoli in quattro gruppi sulla base delle affinità tematiche: i testi giovanili legati alla sperimentazione e alla Neoavanguardia, quelli che sono preparatori ai romanzi storici – o ad essi limitrofi –, i titoli nei quali l'autore si occupa di definire il carattere degli italiani ed infine quelli che trattano della descrizione del presente.
La seconda sezione della tesi, dal titolo I romanzi storici, è composta da dieci capitoli ognuno dei quali dedicato all'analisi di uno dei libri di Vassalli appartenente a quel genere. Nel dettaglio mi occupo della trattazione di: L'oro del mondo (1987), La chimera (1990), Marco e Mattio (1992), Il Cigno (1993), Cuore di pietra (1997), La notte del lupo (1998), Un infinito numero (1999), Archeologia del presente (2001), Stella avvelenata (2003), Le due chiese (2010).
La sezione finale della tesi – Temi generali – si compone di un solo ampio capitolo: Ultimi appunti. In queste pagine traggo le conclusioni del discorso sin qui condotto occupandomi di tre argomenti specifici: la letteratura, la politica e la storia.
Quanto al primo, Vassalli ha attraversato quarant'anni della storia letteraria italiana e ha aderito – rinnegandolo poi – al Gruppo 63, una corrente letteraria lontanissima dai suoi lavori degli ultimi trent'anni; cerco di illustrare, allora, quali tracce abbia lasciato questo radicale mutamento e come sia cambiata l'idea che Vassalli ha della letteratura.
Sulla politica il percorso non è in fondo molto distante, con l'autore che in gioventù abbraccia la fede socialista e poi la rigetta. Spiego come, a mio avviso, malgrado l'allontanamento da ogni partito, Vassalli abbia infine trovato nella scrittura il suo mezzo per capire e tentare di cambiare il mondo.
La storia è al centro della riflessione di Vassalli sin dalla metà degli anni Ottanta. Nell'ultima parte spiego come lo scrittore novarese sia molto scettico circa la possibilità di realizzare una narrazione oggettiva dei tempi remoti e di come, ispirandosi forse ad alcune fonti che mi sforzo di individuare, elabori un proprio modello di racconto del passato a partire quasi sempre da personaggi e luoghi del tutto marginali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Indicazioni preliminari 1. 1 Un problema di definizione Innanzi tutto non mi piace sentir parlare ancora di qualcosa come il "romanzo storico". Il romanzo storico è stato un genere letterario dell'Ottocento. È stato un genere praticato da scrittori che credevano fermamente nella "Storia", possedendo quella fede nella leggi storiche di cui Vi ho parlato prima. Chi, come me, racconta le storie umane di oggi, non può che farlo partendo quasi dal punto di vista opposto. Allo scrittore come me non interessa "La Storia", essendo consapevole che essa, addirittura, non esiste. All'autore come me interessano le storie umane, le vicende umane, la Sua storia, ad esempio, come le concrete storie di ognuno di noi che è qui, ora. 1 Dare la definizione di un'opera, schedarla e collocarla in uno scaffale ideale, è un'operazione che suscita almeno due questioni: l'utilità di una tale pratica e la difficoltà di ridurre ad una targhetta bidimensionale qualcosa di più complesso. Né l'una né l'altra sono argomento della mia tesi ma, per evitare fraintendimenti, giova qualche chiarimento sulla terminologia che ho scelto di usare. Il passo sopra riportato è tratto da un incontro che l'autore ebbe nel 1999 con alcuni studenti di un liceo romano; da queste righe – e da altre disperse tra le pagine dei suoi libri – si intuisce con quanta decisione Sebastiano Vassalli respinga l'etichetta di “romanzo storico” applicata ad alcune delle sue opere. Egli ne rivendica la distanza da un genere ottocentesco fondato su convinzioni figlie di quel secolo. Il tema centrale della mia tesi ruota proprio attorno ai suoi cosiddetti “romanzi storici”, un gruppetto di una decina di titoli che anch'io ho scelto per convenzione di chiamare così. Al di là delle apparenze, non per indole auto-distruttiva avvio questo lavoro negando la consistenza del suo principale pilastro, ma per rispondere in anticipo alle legittime obiezioni che potrebbe sollevare la scelta di questi termini; tanto più che in proposito condivido in pieno il giudizio di Vassalli. 1 http://www.emsf.rai.it/grillo/trasmissioni.asp?d=316 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dino campana
neoavanguardia
la notte della cometa
sebastiano vassalli
stella avvelenata
la chimera
cuore di pietra
romanzo storico moderno
amore lontano
un infinito numero
dio, il diavolo e la mosca
le due chiese
archeologia del presente
la morte di marx
abitare il vento
l'oro del mondo
la notte del lupo
marco e mattio
natale a marradi
mareblù
puri poeti
l'arrivo della lozione
l'alcova elettrica
fernand braudel

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi